CHE COSA È TRIPOFOBIA - LA PAURA DEI FORI

CHE COSA È TRIPOFOBIA - LA PAURA DEI FORI

Tripofobia, che letteralmente significa "paura dei buchi", è il nome che diamo a una condizione che fa sì che certe persone provino disgusto o disagio quando vengono esposte a immagini che creano pattern di fori o sporgenze, come nella foto sopra.

Sebbene sia molto popolare su Internet, la tripofobia non è una malattia, tanto meno una vera fobia. Questa condizione non è riconosciuta dalla comunità scientifica e non è descritta dal Manuale Diagnostico e Statistico dei Disturbi Mentali dell'Associazione Psichiatrica Americana (DSM-V), che è il manuale di categorizzazione dei disturbi mentali più utilizzato al mondo.

È importante notare che sebbene la tripofobia non sia considerata un disturbo mentale, ciò non significa che non ci siano milioni di persone che si sentono veramente a disagio nel vedere le immagini di piccoli buchi insieme, specialmente se si trovano in un ambiente biologico, sia sulla pelle umana o in un altro essere vivente (l'autore di questo testo è uno di loro).

In questo articolo spiegheremo cos'è la tripofobia, quali sono le sue cause, i suoi sintomi e perché è così poco studiata scientificamente, anche se è così comune.

Cos'è la tripofobia?

Se riesci a malapena a guardare le immagini sottostanti, senti una terribile angoscia, sensazione di disagio e persino prurito, probabilmente hai la tripofobia chiamata.

Il nome tripofobia, nonostante l'opinione scientifica, è stato creato su Internet, probabilmente nel 2009 su una pagina di Facebook. L'autore della pagina ha notato che sentiva angoscia nel vedere certe immagini di buchi e ha deciso di creare una comunità per sapere quanto fosse comune. In poco tempo, la pagina divenne immensamente popolare e il termine finì col prendere piede.

La parola tripofobia, quindi, non è un termine scientifico né è stata creata con l'intuizione di descrivere una condizione ampiamente studiata e chiaramente caratterizzata. A seconda del tipo di carattere in cui si esegue la ricerca, le impostazioni potrebbero variare. In generale, la tripofobia è una sensazione di avversione alle immagini raggruppate di piccoli fori o rilievi.

Come detto sopra, la tripofobia è più comune quando queste piccole immagini del foro sono associate alla pelle o agli esseri viventi, come nelle foto sopra. Come vedremo più avanti, la tripofobia è più intensa se risveglia nell'individuo la sensazione di essere collegato a una malattia o alla presenza di un parassita.

Quando usiamo lo stesso schema geometrico in immagini che non danno chiaramente l'idea di una malattia della pelle, come nelle immagini sottostanti, il numero di persone che hanno riferito di sentirsi a disagio è diminuito drasticamente.

Ciò che sembra causare disagio non sono le stesse immagini geometriche, ma il tipo di ricordo o sensazione che suscitano. Se i modelli di buchi o rilievi fanno pensare all'individuo malattie, lesioni cutanee, tane di animali velenosi o sostanze tossiche o contagiose, è più probabile che insorga la tripofobia.

La tripofobia è una vera fobia?

La tripofobia non è una vera fobia. Consideriamo la fobia un tipo di disturbo d'ansia caratterizzato da una significativa paura di un particolare oggetto o situazione. Classicamente, la fobia porta l'individuo ad avere un comportamento di mancanza di controllo ed evitamento, cioè di sfuggire alla paura.

La sensazione di paura che una persona con scarafaggi, ragni, altezza, piano, aghi o luoghi chiusi percepisca è infinitamente più intensa della sensazione spiacevole che un grappolo di piccoli fori provoca nella maggior parte delle persone. Vedere un'immagine sgradevole o disgustosa può anche causare un certo disagio, ma questo non avrà mai la stessa influenza negativa sulla tua vita come la vera causa delle fobie. Le persone che affermano di essere portatrici di tripofobia non vanno fuori controllo quando vedono piccoli buchi. Potrebbe non essere in grado di cercare per molto tempo e alcune persone segnalano prurito della pelle, ma la sensazione di panico di una vera fobia non esiste nella stragrande maggioranza dei casi.

Tuttavia, è importante notare che esiste una fobia per tutto. Non è impossibile che ci siano persone con la vera paura di questi piccoli buchi. In questi rari casi, tuttavia, il paziente si adatta a ciò che chiamiamo una fobia specifica, questo è un disturbo psichiatrico ampiamente riconosciuto.

Studi scientifici sulla tripofobia

Perché non è una vera malattia e perché non ha un impatto significativo sulla vita delle persone, è una condizione che è molto poco studiata e praticamente ignorata dagli psichiatri.

I pochi articoli scientifici pubblicati si sono concentrati sulle cause di questo cattivo sentimento, che apparentemente ha un'origine evolutiva.

Il primo studio pubblicato sull'argomento è il 2013, sulla rivista Psychological Science. In esso, i ricercatori ipotizzano che la tripofobia possa avere una base evolutiva, poiché questi raggruppamenti di buchi condividono le caratteristiche visive con gli animali velenosi (o le loro tane) che gli esseri umani e i loro antenati hanno imparato ad evitare per sopravvivere.

Già uno studio del Journal of Cognition and Emotion del 2017 suggerisce un'altra teoria sull'origine del disgusto per questi buchi e protuberanze. I ricercatori ritengono che questi modelli geometrici assomiglino a malattie contagiose o parassitarie che colpiscono principalmente la pelle. L'avversione a immagini simili sarebbe quindi un meccanismo di difesa per l'individuo da evitare e allontanarsi da lesioni cutanee potenzialmente contagiose.

I sintomi della tripofobia

I pochi studi esistenti hanno dimostrato che esiste una grande varietà di segni e sintomi tra i tripofobi. Nei casi più lievi e più comuni, l'individuo riporta solo un senso di avversione, senza altri segni associati. Nei casi più gravi, i soggetti studiati presentavano tachicardia (battito cardiaco accelerato), mani bagnate, prurito del corpo, necessità di strofinare le mani sulla pelle, nausea e persino episodi di panico e svenimento.

Nei casi più gravi, l'associazione con altri disturbi psichiatrici è molto comune, specialmente con altre fobie e disturbi d'ansia.

Trattamento della tripofobia

Nella grande maggioranza dei casi, i pazienti con tripofobia non hanno bisogno di alcun trattamento, in quanto il problema non ha interferenze con la loro qualità di vita. Se vuoi che le immagini smettano di disturbarti, il modo più semplice è vedere diverse immagini di buchi e protuberanze per abituare il tuo cervello a loro. Col passare del tempo, si finisce per creare tolleranza.

Tuttavia, se le immagini provocano più di un semplice senso di repulsione, con sintomi fisici e ansia reale, dovresti cercare l'aiuto di uno psichiatra. In questi casi, il trattamento è fondamentalmente lo stesso degli altri tipi di fobia, attraverso la terapia cognitivo comportamentale.


CANCRO DELLA PROSTATA - Sintomi, diagnosi e trattamento

CANCRO DELLA PROSTATA - Sintomi, diagnosi e trattamento

Il tumore alla prostata è il più comune tumore maligno del sesso maschile (ad eccezione dei tumori della pelle) e la seconda causa più comune di morte, seconda solo al cancro del polmone. Nonostante l'alta mortalità, la maggior parte dei tumori della prostata di solito cresce lentamente, essendo anni limitati alla prostata senza causare metastasi. In

(medicina)

12 RISOLUZIONE DEI PROBLEMI SINTOMI

12 RISOLUZIONE DEI PROBLEMI SINTOMI

Il fegato è un grande organo, situato a destra della cavità addominale, responsabile di diverse funzioni vitali nel nostro organismo. Il fegato può essere affetto da diverse malattie, tra le più comuni sono l'epatite, la cirrosi, la steatosi e il cancro. Molte delle malattie del fegato condividono sintomi comuni, perché sebbene abbiano origini diverse, finiscono per compromettere le stesse funzioni del fegato. In

(medicina)