NIMESULIDA - A cosa servono, dosaggio ed effetti avversi

NIMESULIDA - A cosa servono, dosaggio ed effetti avversi

introduzione

La nimesulide è un farmaco antinfiammatorio non steroideo (NSAID) che ha azione anti-febbre (anti-febbre), analgesica (antidolorifica) e anti-infiammatoria.

Presente sul mercato dal 1985 fino ai primi anni del 2000, la nimesulide era uno dei farmaci antinfiammatori più venduti al mondo. Tuttavia, dopo che alcuni casi di grave tossicità epatica (danno epatico) sono stati segnalati alle agenzie di farmacovigilanza, il loro marketing è stato vietato in diversi paesi, tra cui USA, India, Finlandia, Spagna, Giappone, Nuova Zelanda, Regno Unito, Germania e il Canada.

In Brasile e Portogallo, la nimesulide è ancora commercializzata ed è ampiamente utilizzata nel trattamento sintomatico di mal di gola, dolori articolari, febbre o mal di denti. Tuttavia, per ridurre al minimo il rischio di danni al fegato, il tempo massimo di trattamento raccomandato è di 15 giorni.

Poiché ci sono molti altri anti-infiammatori con un'azione simile e un minor rischio di danni al fegato, come l'ibuprofene, il ketoprofene o il diclofenac, molti medici scelgono di non prescrivere nimesulide, anche per trattamenti a breve termine. Questa è anche la posizione dell'ISDB ( International Society of Drug Bulletins ), che dal 2007 ha suggerito di ritirare il nimesulide dal mercato mondiale.

indice

In questo articolo forniremo le seguenti informazioni su nimesulide:

  • I nomi commerciali più comuni.
  • A cosa serve?
  • Dosaggio.
  • Effetti collaterali
  • Problemi al fegato causati da nimesulide.
  • Controindicazioni.
  • Interazioni farmacologiche.

Attenzione: questo testo non è destinato a riprodurre l'etichetta completa di nimesulide. Quello che faremo è una revisione critica del foglietto illustrativo, eliminando le parti linguistiche più tecniche e commentando le informazioni più importanti su questo medicinale con un vocabolario più accessibile al pubblico laico.

Se vuoi informazioni generali sull'intera classe di farmaci antinfiammatori non steroidei, leggi: ANTI-INFIAMMATORIALE - Azioni ed effetti collaterali.

Nimesulide nomi commerciali

In Brasile e Portogallo, il nimesulide è già venduto come farmaco generico ed è molto facile trovarlo nelle farmacie.

In relazione ai nomi commerciali disponibili sul mercato, i principali sono:

  • Arflex Retard (Chemobras Diffucap).
  • Aulin (Angelini).
  • Cimed (Cimed).
  • Deltaflan (Delta).
  • Donulid (Rega Farma) *.
  • Fasulide (Laboratil).
  • Flogilid (Neo Química).
  • Inflalid (Legrand)
  • Mesalgin (Sun Pharma).
  • Neosulida (Neo Química).
  • Nilsagen (UCI-Farma).
  • Nimalgex (Sandoz).
  • Nimed (Azevedos).
  • Nimelit (Vitapan).
  • Nimesulix (Teuto).
  • Nimesilam (EMS).
  • Nimesubal (Baldacci).
  • Nosoflan (Geolab).
  • Nisofar (Elofar).
  • Nisulide (Aché).
  • Optaflan (Gallia).
  • Scaflam (Cosmed).
  • Scaflogin (Globo Laboratory).
  • Scalid (Chemical Union).
  • Uciton (UCI - Farma).

* Commercializzato in Portogallo.

Prezzo medio di nimesulide

Il prezzo della confezione di 12 compresse da 100 mg può variare notevolmente a seconda della marca e della farmacia. In Brasile è possibile trovare nimesulide che costa da 2 reais a più di 30 reais. In Portogallo, questo rimedio è rimborsato dallo Stato e il prezzo massimo attuale è 3, 72 euro (scatola con 20 compresse da 100 mg).

Quindi, cerca bene prima di acquistare, ma presta attenzione alla data di scadenza. Spesso quando un particolare farmaco è molto economico è perché la data di scadenza è prossima alla scadenza.

A cosa serve la nimesulide?

La nimesulide è un farmaco antinfiammatorio non steroideo indicato per il trattamento di dolore da lieve a moderato, con o senza febbre associata.

Il farmaco impiega circa 15 minuti per agire contro il dolore e un'ora per abbassare la febbre. La durata dell'azione contro la febbre e il dolore è di circa 6 ore, con il picco di azione raggiunto tra 2 e 3 ore dopo l'ingestione.

Patologie che non dovrebbero essere trattate con nimesulide

L'Agenzia europea dei medicinali (EMA) nel 2012 ha emesso un parere contro l'uso di nimesulide per il trattamento di problemi osteoarticolari cronici che richiedono un uso prolungato di antinfiammatori.

Ora sappiamo che più lungo è l'uso di nimesulide, maggiore è il rischio di gravi effetti collaterali, in particolare danni al fegato. Pertanto, nessuna malattia che richiede un trattamento antinfiammatorio o antinfiammatorio prolungato deve essere trattata con nimesulide. Esempi:

  • Artrite reumatoide
  • Osteoartrite.
  • Pericardite acuta
  • Qualsiasi altro processo muscolare o osteoarticolare che richiede più di 15 giorni di trattamento con FANS.

Patologie che possono essere trattate con nimesulide

L'Agenzia europea per i medicinali e ANVISA autorizzano l'uso di nimesulide solo per il trattamento del dolore acuto ea breve termine che richiede alcuni giorni di trattamento anti-infiammatorio, come ad esempio:

  • Dismenorrea (crampi mestruali).
  • Goccia.
  • Tonsillite o faringite.
  • Sinusite acuta.
  • Otite (dolore all'orecchio).
  • Febbre.
  • Calcolo renale
  • Controllo del dolore dopo le procedure dentali.

Nonostante l'autorizzazione, l'agenzia osserva che la nimesulide non dovrebbe essere la prima opzione di trattamento per queste condizioni. Quando possibile, il paziente deve dare la preferenza ad altri farmaci anti-infiammatori. Se utilizzato, il tempo massimo di trattamento con nimesulide non deve superare i 15 giorni.

La posizione personale degli editori medici di MD.Saúde è che non usano il nimesulide in nessuna situazione, dal momento che sul mercato ci sono dozzine di altri anti-infiammatori che non hanno lo stesso alto rischio di danno epatico. Le azioni analgesiche, antinfiammatorie o antipiretiche della nimesulide non sono superiori a quelle di altri FANS presenti sul mercato, quindi non ci sono vantaggi per compensare i suoi rischi, sebbene il grave danno epatico sia relativamente raro.

dosaggio

La nimesulide viene solitamente venduta a dosi di 50 mg, 100 mg o 200 mg. Sono inoltre presenti gocce da 50 mg / ml.

Come prendere le compresse di nimesulide?

Il medicinale può essere somministrato una o due volte al giorno. La dose massima raccomandata è di 100 mg ogni 12 ore. Non consigliamo la dose di 200 mg di 12 / 12h descritta in alcuni foglietti illustrativi del medicinale.

Come prendere nimesulide in gocce?

Ogni goccia ha circa 2, 5 mg di nimesulide. La dose giornaliera totale raccomandata è di una goccia per chilo di peso, che dovrebbe essere divisa in 2 dosi giornaliere. La dose massima sicura è di 80 gocce al giorno.

Nimesulide per mal di gola

La dose raccomandata è da 50 a 100 mg due volte al giorno per 3-5 giorni.

Nei casi di faringite virale o allergica, i farmaci anti-infiammatori servono solo come sintomatici. Non trattano l'infezione virale né il processo allergico che causa il mal di gola. Nei casi di faringite batterica, il trattamento deve essere eseguito con antibiotici appropriati, come l'amoxicillina o la penicillina benzatina. Gli antinfiammatori servono solo ad alleviare i sintomi nelle prime 48 ore, durante le quali l'antibiotico non ha ancora raggiunto il suo massimo effetto.

Se non conosci la differenza tra questi due tipi di medicina, leggi: DIFFERENZE TRA ANTIBIOTICI E ANTI-INFIAMMATORIALE.

Nimesulide per mal di denti

La dose raccomandata va da 50 a 100 mg due volte al giorno per 5-7 giorni.

Se non ci sono miglioramenti nella foto dopo una settimana di anti-infiammatori, il medico deve essere consultato.

Nimesulide per la febbre

La dose raccomandata è da 50 a 100 mg due volte al giorno.

Il tempo di utilizzo dovrebbe essere sempre il più breve possibile. Gli antinfiammatori hanno azione antipiretica ma non trattano la causa della febbre stessa. Se il paziente ha la febbre persistente per più di 48 ore, la causa deve essere chiarita per essere trattata con farmaci specifici (di solito antibiotici).

Nimesulide per sinusite

La dose raccomandata è da 50 a 100 mg due volte al giorno per 3-5 giorni.

Come con la faringite, la sinusite può essere di origine virale, allergica o batterica. Gli antinfiammatori agiscono solo sintomaticamente e dovrebbero essere usati per alcuni giorni per alleviare il dolore e / o la febbre.

Effetti collaterali

Essendo un antinfiammatorio non steroideo (NSAID), la nimesulide condivide gran parte degli effetti collaterali della classe. La ferita al fegato, che è una caratteristica di nimesulide, sarà discussa separatamente di seguito.

I principali effetti collaterali di nimesulide sono:

  • La diarrea.
  • Dispepsia (bruciore allo stomaco).
  • Nausea.
  • Bruciore di stomaco.
  • Imperfezioni della pelle
  • Prurito.
  • Vertigini.
  • Visione offuscata
  • Sonnolenza.
  • Conservazione di fluidi ed edema.
  • costipazione.
  • Eccesso di gas.
  • Diminuzione del volume urinario.

Due gravi complicanze dell'uso prolungato di nimesulide, che possono verificarsi anche con altri farmaci antinfiammatori, sono ulcera peptica e insufficienza renale.

Lesione epatica di nimesulide

Una caratteristica del profilo di sicurezza della nimesulide che lo distingue dagli altri farmaci antinfiammatori non steroidei è il maggior rischio di gravi danni al fegato.

La tossicità epatica è associata ad un uso prolungato e ad alte dosi. Le lesioni epatiche variavano da condizioni molto miti e asintomatiche, con solo aumento di laboratorio degli enzimi epatici (GRT e TGF), a epatite grave, con insufficienza epatica acuta e trapianto di fegato urgente.

Giusto per illustrare, in Irlanda, prima del suo divieto, sono stati rilevati 56 casi di epatite indotta da farmaci causata dalla nimesulide, sei dei quali hanno richiesto il trapianto di fegato e tre decessi dovuti a insufficienza epatica.

Precauzioni e controindicazioni

Nimesulide non deve essere somministrato a nessun paziente che abbia mai avuto una reazione allergica o broncospasmo (asma) - correlata a qualsiasi acido antinfiammatorio o acetilsalicilico non steroideo (aspirina).

Nei pazienti con un intervento chirurgico programmato, il trattamento deve essere interrotto almeno 48 ore prima della riduzione del rischio di emorragia intra- e postoperatoria.

Nimesulide non deve essere somministrata a pazienti con:

  • Insufficienza cardiaca.
  • Elevato rischio di malattie cardiovascolari, come infarto miocardico acuto.
  • Gastrite o ulcera peptica.
  • Insufficienza renale cronica.
  • Storia della malattia del fegato.
  • Ipertensione arteriosa scarsamente controllata.
  • Sanguinamento attivo
  • Trombocitopenia (livello ematico piastrinico molto basso).
  • Iperkaliemia (alti livelli di potassio nel sangue).
  • Donne in gravidanza o allattamento.
  • Polipi nasali.

A causa dell'alto rischio di danni al fegato, la nimesulide non deve essere consumata con altre sostanze che potrebbero essere anche epatotossiche, come le bevande alcoliche.

Usare nei bambini

Nimesulide non deve essere usato da bambini di età inferiore ai 12 anni, in quanto sono state descritte alcune reazioni gravi, inclusi i casi di sindrome di Reye, una malattia rara ma potenzialmente fatale che provoca infiammazione del cervello e insufficienza epatica acuta.

Utilizzare in donne in gravidanza

Non sono ancora disponibili dati adeguati sulla sicurezza di nimesulide in donne in gravidanza o in allattamento. Pertanto, la sua prescrizione deve essere evitata durante la gravidanza e l'allattamento.

Interazioni farmacologiche

Le combinazioni di nimesulide dovrebbero essere evitate:

  • I seguenti medicinali possono aumentare il rischio di sanguinamento: abciximab, apixaban, acebutololo, citalopram, clopidogrel, dalteparina, danaparoid, duloxetina, enoxaparina, escitalopram, fluoxetina, ginkgo biloba, eparina, paroxetina, pentossifillina, rivaroxaban, ticlopidina, warfarin, venlafaxina e zimeldina .
  • I seguenti medicinali possono aumentare il rischio di danno renale: ciclosporina, tacrolimus, qualsiasi altro FANS, diuretici, antipertensivi delle classi ACE-inibitori (es. Enalapril, ramipril, lisinopril e captopril) o antagonisti del recettore dell'angiotensina 2 losartan, candesartan, olmesartan e valsartan).
  • I seguenti farmaci possono aumentare il rischio di iperkaliemia (eccesso di potassio nel sangue): spironolattone, amiloride, qualsiasi altro FANS, antiipertensivi della classe degli inibitori ACE o antagonisti del recettore dell'angiotensina 2.
  • I seguenti medicinali possono aumentare il rischio di convulsioni: levofloxacina, norfloxacina o ofloxacina.

La nimesulide non deve essere assunta prima o dopo 24 ore di trattamento con metotressato, poiché vi è un alto aumento della sua tossicità, con un alto rischio di leucopenia (basso leucociti), trombocitopenia (riduzione delle piastrine), anemia, danno renale e ulcere gastriche o duodenale.

L'estratto di Partenio di fegato potenzia gli effetti collaterali della nimesulide, con aumento del rischio di sanguinamento, alterazioni renali e lesioni gastriche.


MESOTELIOMA E ASBESTOSI - Cause, sintomi e trattamento

MESOTELIOMA E ASBESTOSI - Cause, sintomi e trattamento

L'asbestosi è una malattia polmonare causata dall'aspirazione delle fibre di amianto, nota anche come asbesto, che può portare a insufficienza respiratoria, cancro ai polmoni e mesotelioma maligno. Amianto - Amianto L'amianto (o nome greco) o l'amianto (nome latino) è una fibra presente in natura ampiamente utilizzata dall'industria a causa dell'elevata resistenza al calore (fino a 1000 ° C), della resistenza chimica e alla trazione, della grande flessibilità, della durabilità, isolamento acustico e il suo basso costo. L

(medicina)

CITRATO CLOMPENICO - Informazioni Clomid®

CITRATO CLOMPENICO - Informazioni Clomid®

Il citrato di clomifene (Clomid®, Indux®, Serofene®) è una sostanza che agisce come un inibitore del recettore dell'estrogeno ed è ampiamente utilizzata come induttore dell'ovulazione. Per capire meglio come funziona, è necessario comprendere alcuni aspetti della fisiologia femminile. Le ovaie sono gli organi riproduttivi delle donne, responsabili della produzione di ormoni come estrogeni e progesterone. Ques

(medicina)