CRISI IPERTENSIVA - Come abbassare la pressione alta

CRISI IPERTENSIVA - Come abbassare la pressione alta

L'ipertensione è una malattia cronica e silenziosa, che causa lesioni lente e progressive in vari organi del corpo. In generale, ci vogliono diversi anni di pressione del sangue scarsamente controllata fino a quando il paziente inizia ad avere danni irreversibili, come danni al cuore, ai reni, al cervello e agli occhi.

Tuttavia, i pazienti ipertesi possono presentare crisi ipertensive, che sono episodi di improvviso aumento della pressione sanguigna, ben al di sopra dei valori usuali. Le crisi ipertensive, se non controllate, possono causare danni irreversibili all'organismo relativamente rapidamente.

Le crisi ipertensive sono solitamente divise in due tipi:

  • Urgenza ipertensiva
  • Emergenza ipertensiva

In questo articolo spiegheremo che cos'è una crisi ipertensiva, quali sono i suoi sintomi e come dovrebbero essere trattati i pazienti che presentano improvvisa elevazione della pressione arteriosa.

Se stai cercando ulteriori informazioni sull'ipertensione, accedi al nostro file di testo sull'argomento attraverso questo link: ARCHIVIO DI IPERTENSIONE ARTERIOSA.

Cos'è una crisi ipertensiva?

La crisi ipertensiva è un evento caratterizzato da innalzamento della pressione sanguigna a valori che, se incontrollati, possono causare gravi danni ai vasi sanguigni in breve tempo.

In generale, consideriamo una crisi ipertensiva quando la pressione arteriosa sistolica (più alta pressione sanguigna alta, chiamata pressione sanguigna massima) è superiore a 180 mmHg o quando si riscontra la pressione diastolica (il valore più basso più alto, chiamato pressione arteriosa minima) superiore a 110 mmHg. Pertanto, un paziente con pressione arteriosa di 190/90 mmHg o 175/115 presenta una crisi ipertensiva. Più alto è il valore della pressione sanguigna, più grave è la crisi. Alcuni pazienti hanno 240 o 250 mmHg di pressione massima durante un picco ipertensivo.

Generalmente, le crisi ipertensive si verificano in pazienti che non sono adeguatamente trattati per l'ipertensione. Le ragioni sono solitamente tre:

  • Il paziente non sa che è iperteso e, quindi, non ha mai assunto farmaci.
  • Il paziente sa di essere iperteso, sa di dover assumere farmaci per la pressione, ma non li prende correttamente, né volontariamente, né perché il medico non ha spiegato chiaramente la prescrizione.
  • Il paziente sa che è iperteso, prende i farmaci correttamente, ma le dosi oi tipi di farmaci prescritti non sono adatti per quel particolare paziente.

In alcuni casi, il paziente trascorre anni con la sua pressione arteriosa più o meno ben controllata, ma, da un'ora all'altra, inizia a presentare picchi ipertesi. Situazioni che possono causare pressione sanguigna incontrollata sono:

  • Cambiamenti nella dieta, in particolare l'aumento di assunzione di sale (leggi: SAL e IPERTENSIONE).
  • Rilevante aumento di peso recente.
  • Scambiare le medicine che ero abituato a prendere.
  • Apparizione o aggravamento della malattia renale.

Anche quei pazienti che hanno sempre la pressione sanguigna molto alta, spesso sopra 180 mmHg di pressione sistolica (pressione massima), sono caratterizzati da crisi ipertensive ogni volta che hanno un picco di ipertensione. Contrariamente a quello che alcune persone pensano, il corpo non si abitua alla pressione molto alta. Come vedremo in seguito, il fatto che non vi siano sintomi non significa che i picchi di ipertensione non danneggino gli organi.

Urgenza ipertensiva x Emergenza ipertensiva

Come già accennato, i pazienti con crisi ipertensiva sono divisi in due gruppi:

1- urgenza ipertensiva

L'urgenza ipertensiva è la forma più comune di crisi ipertensiva.

L'urgenza ipertensiva è presente nei pazienti con picco ipertensivo, pressione massima superiore a 180 mm Hg o minimo 110 mm Hg, ma senza rilevanti sintomi o segni di danno acuto a qualsiasi organo bersaglio (l'organo bersaglio è il nome dato agli organi solitamente danneggiati dall'ipertensione arteriosa, come occhi, cuore, cervello e reni). Per definizione, l'urgenza ipertensiva è un tipo di crisi ipertensiva che non comporta alcun rischio di morte o danni gravi immediati.

È importante notare che, sebbene non vi sia un rischio immediato di morte o di gravi danni agli organi, i picchi ipertensivi accelerano le lesioni nel corpo. Mentre un paziente con ipertensione intorno ai 140 o 150 mmHg di pressione massima richiede anni, a volte decenni, per presentare qualche malattia cardiaca o renale, i pazienti con frequenti episodi di crisi ipertensiva possono sviluppare lesioni clinicamente rilevabili entro 2 o 3 anni a meno, se lui o lei ha altri fattori di rischio, come il diabete o il fumo.

I pazienti con urgenza ipertensiva di solito non presentano sintomi, al massimo mal di testa, un po 'di stanchezza o sensazione di peso nella nuca. I pazienti ipertesi che controllano male la loro pressione e presentano costantemente valori molto elevati sono quelli che tollerano picchi ipertensivi migliori senza segnalare denunce.

La crisi ipertensiva dovrebbe sempre essere valutata da un medico, poiché la pressione arteriosa deve essere controllata, inizialmente a valori inferiori a 160/100 mmHg, e nel medio termine a valori inferiori a 140/90 mmHg.

Poiché non vi è un rischio imminente di morte, la pressione arteriosa nell'urgenza ipertensiva può essere ridotta gradualmente per diverse ore o giorni. Nei pazienti anziani, la riduzione deve essere attenta, dal momento che brusche cadute della pressione arteriosa possono scatenare infarto miocardico o ictus.

In generale, il paziente con urgenza ipertensiva non ha bisogno di essere ricoverato in ospedale e può solo controllare la pressione con farmaci orali. Ciò che è importante è capire che l'ipertensione arteriosa del paziente è scarsamente controllata e che ha bisogno di un follow-up medico più vicino, in modo che a medio termine non presenti più picchi di ipertensione.

Il farmaco più comunemente usato per controllare i picchi dell'ipertensione è il captopril. La clonidina è un'altra opzione possibile se captopril da solo non è in grado di portare la pressione sanguigna al di sotto di 180/90 mmHg. Se il paziente ha un edema agli arti inferiori o una storia di insufficienza cardiaca, la furosemide è una buona opzione. Se il paziente è molto ansioso, un ansiolitico come il diazepam può aiutare a controllare la pressione sanguigna.

La nifedipina sublinguale (Adalat sublinguale) è stata utilizzata per anni come trattamento di prima linea per il controllo dei picchi di alta pressione sanguigna. Attualmente, tuttavia, non è più indicato perché può abbassare bruscamente la pressione, il che aumenta il rischio di eventi cardiovascolari e ictus.

Nota: il ritardato della nifedipina (Adalat retard) è una forma a lento rilascio, che non causa un improvviso calo di pressione.

2- Emergenza ipertensiva

L'emergenza ipertensiva si distingue dall'urgenza ipertensiva dall'esistenza di una lesione acuta di alcuni organi bersaglio innescata dal picco ipertensivo. Il valore della pressione arteriosa stessa non viene utilizzato per differenziare le due forme di crisi ipertensiva, dal momento che un paziente con 220/100 mmHg può essere asintomatico, mentre un altro con 190/90 mmHg può essere colpito da un attacco cardiaco, che è un'emergenza .

Le principali complicanze che caratterizzano l'esistenza di un'emergenza ipertensiva sono:

  • Infarto miocardico acuto o angina instabile (leggi: INFARTO MIOCARDICO).
  • Edema polmonare acuto (leggi: Acuto PULMONARY EDEMA - Sintomi, cause e trattamento).
  • Dissezione di aneurisma (leggi: CHE COS'È L'ANEURISMO?).
  • Insufficienza renale acuta (leggi: INSUFFICIENZA RENALE ACUTA).
  • Insufficienza cardiaca acuta (leggi: HEART FAILURE).
  • Encefalopatia acuta (cambiamento di stato mentale).
  • AVC (leggi: 7 SINTOMI DELL'AVC - FUORIUSCITE CEREBRALI).
  • Anemia emolitica microangiopatica (distruzione dei globuli rossi).

Molte delle emergenze sopra elencate possono essere innescate da un picco ipertensivo, ma possono anche essere la causa dell'aumento di pressione. Ad esempio, un paziente può avere un ictus o un ictus, e da quel momento in poi, lui o lei potrebbe sperimentare una pressione sanguigna elevata, sia attraverso il dolore, difficoltà di respirazione, o anche l'ansia. In alcune situazioni è difficile stabilire cosa è venuto per primo, dal momento che entrambi agiscono sinergicamente: l'ipertensione arteriosa aggrava l'infarto, che a sua volta favorisce ulteriormente il picco ipertensivo. Alla fine, non importa. Indipendentemente dalla fonte del problema, il paziente ha un'emergenza ipertensiva che deve essere trattata.

I sintomi principali di un'emergenza ipertensiva sono:

  • Dolore al petto.
  • Mancanza di respiro intenso.
  • Lo stato mentale cambia.
  • Crisi dei sequestri
  • Cambiamenti visivi come visione offuscata.

L'emergenza ipertensiva era precedentemente chiamata ipertensione maligna perché, poiché non vi era un trattamento adeguato, la sua mortalità a breve termine era molto alta. Prima degli anni '50, oltre l'80% dei pazienti con emergenza ipertensiva moriva entro 1 anno. Attualmente, il termine ipertensione maligna è caduto in disuso. Tuttavia, alcuni autori usano ancora questo termine per descrivere una forma di emergenza ipertensiva che colpisce in modo acuto occhi e reni.

Con i trattamenti moderni, il tasso di mortalità acuta dell'emergenza ipertensiva è notevolmente diminuito. Oggi, dopo un anno di crisi, oltre il 90% dei pazienti è ancora vivo.

I pazienti con emergenza ipertensiva devono essere ospedalizzati e trattati immediatamente. L'obiettivo in questi casi è controllare rapidamente la pressione arteriosa in poche ore. L'unica eccezione è l'ictus, perché una brusca riduzione della pressione arteriosa può aggravare l'ischemia cerebrale.

Nella maggior parte dei casi, i pazienti con emergenza ipertensiva necessitano di farmaci venosi per un migliore controllo della pressione arteriosa.


Parassitologia e esame parassitologico dello sgabello

Parassitologia e esame parassitologico dello sgabello

L'esame parassitologico delle feci (EPF) è una delle forme più utilizzate per la diagnosi delle verminosi, sia esse causate da protozoi o elminti. L'EPF è un'analisi di laboratorio che consiste nella valutazione di campioni di feci di piccole dimensioni dal paziente. Attraverso l'esame parassitologico delle feci, il laboratorio è in grado di rilevare e identificare la presenza di parassiti o delle loro uova nelle feci, che è un segno inconfondibile della verminosi. In

(medicina)

FEBBRE REUMATICO - Sintomi, cause e trattamento

FEBBRE REUMATICO - Sintomi, cause e trattamento

La febbre reumatica, comunemente nota come reumatismo nel sangue, è una complicanza che può verificarsi dopo un quadro di faringite causata dal batterio Streptococco . Nelle regioni meno sviluppate del mondo, circa 20 milioni di persone soffrono di febbre reumatica, che è la principale causa di morte cardiaca nella popolazione al di sotto dei 50 anni. È

(medicina)