Cosa succede nel nostro cervello durante una depressione?

Cosa succede nel nostro cervello durante una depressione?

Il cervello è un organo straordinario che conosciamo sempre più spesso. Ad esempio, sappiamo come certe emozioni agiscono su di lui, come quando proviamo tristezza. Perché durante tutta la nostra vita, abbiamo molte volte l'opportunità di sentirci tristi o soffre di un colpo di depressione, quando nelle circostanze dobbiamo affrontare eventi personali che ci mettono alla prova.

La tristezza è un'emozione inerente all'essere umano, così come lo sono anche gioia, paura o rabbia. L'esperienza della tristezza implica che il nostro cervello funziona in modo diverso e finisce per produrre effetti su di noi di cui non siamo sempre consapevoli. Abbiamo più appetito , ci sentiamo più stanchi, proviamo a ritrovarci soli e vogliamo piangere.

Forse vorresti sapere perché tutte queste reazioni si verificano nel nostro corpo e come è possibile superare questa sensazione di tristezza di fuggire da questa situazione; questo no a prevenire alcuni più seri malattie che possono compromettere seriamente la nostra vita, come la depressione, per esempio.

Quando il cervello buio nella tristezza

La tristezza è un'emozione che ha il maggior impatto sul nostro metabolismo, che cosa significa? Ciò significa che molti cambiamenti nel nostro corpo e nella nostra mente sono causati da problemi esterni, il lutto, le delusioni, i cambiamenti imprevisti e inevitabili che le persone stanno affrontando. Ma analizzare ognuna di queste condizioni che colpiscono il cervello.

Il potere di empatia

Il cervello ha diversi meccanismi di difesa per affrontare la tristezza. E 'la sensazione più facilmente riconoscibile tra umano, perché in presenza di qualcuno, percepiamo immediatamente se quella persona sta soffrendo o no; in altre parole, abbiamo empatia per lei. Questa facoltà ci spinge a sostenere coloro che sono tristi, e tutti sappiamo quanto sia importante avere buoni amici oi genitori su cui contare. Va notato che questa sensazione di empatia è più pronunciata nelle donne.

Il cervello ha bisogno di più energia, e quindi di glucosio

Quando attraversiamo un periodo in cui ci sentiamo tristi, il cervello diventa incredibilmente attivo; questo potrebbe sorprenderti, ma i test scientifici rivelano che un cervello depresso attiva più di 70 aree cerebrali distinte. Ma come? È facile capire: quando siamo tristi, ricordiamo le cose, pensiamo, soffriamo, cerchiamo soluzioni o alternative, dormiamo poco e passiamo ore a pensare, che attiverà l'ipocampo, la parte frontale del cervello (corteccia prefrontale) e la corteccia cingolata anteriore, il lobo temporale, ecc

si deve anche considerare che il cervello usa quasi il 20% della nostra energia, e in uno stato triste, necessità di aumento di energia, principalmente la necessità di glucosio È ciò che ci rende affamati, ci provoca ansia e ci spinge a mangiare, e specialmente cibi dolci . Ecco perché a volte abbiamo grossissons quando siamo tristi o depressi.

La necessità vitale di piangere durante un tratto depresso

Il pianto è un atto naturale e la necessità di allentare la tensione e le emozioni.

Negli stati tristezza, c'è molta tensione nel corpo. La secrezione delle lacrime è una funzione biologica, quella di idratare gli occhi, che deve essere differenziata dalle lacrime che derivano dalle emozioni, o dal pianto, essenziale anche per la salute. Il cervello accumula troppa tensione e ha bisogno di espellere quell'ansia nel modo più adeguato per alleviare noi, cioè attraverso le lacrime. Le endorfine vengono secrete quando piangiamo e in seguito ci sentiamo meglio, più rilassati. Ecco perché ti consigliamo di non trattenerti se hai voglia di piangere.

Evita di essere confuso e impara dalle esperienze

Momenti di tristezza dovrebbero servire come lezione per noi per fare un nuovo inizio

Un cervello triste sviluppa meno serotonina, un neurotrasmettitore mediato dall'umore. Se non riusciamo a liberarci da questa tristezza in modo determinato e proiettandoci in avanti, questa mancanza di serotonina può portare a lungo termine a malattie come depressione, disturbo ossessivo compulsivo o episodi di violenza. Ma dobbiamo essere forti e trovare in questi momenti di introspezione nuovi modi per superarlo!

Se la tristezza può esserci utile, è imparare a trarre da ciò che abbiamo vissuto, perché sappiamo tutti che l'esistenza non è un fiume lungo e tranquillo, che dobbiamo superare ostacoli e trovare nuovi modi, che ci sono realtà dalle quali dobbiamo imparare una lezione. È a questo prezzo che diventeremo più forti e più capaci!


3 Segni che mostrano una mancanza di proteine ​​nella dieta

3 Segni che mostrano una mancanza di proteine ​​nella dieta

Lo sapevi che questa stanchezza cronica di cui soffri e la perdita di capelli possono essere dovuti alla mancanza di nutrienti? Se questo è il tuo caso, consulta un nutrizionista per escludere carenze importanti. La dieta è uno dei fattori più importanti nello sviluppo dell'essere umano. La sua importanza è tale che in base a ciò includiamo nella nostra dieta, seguirà il ruolo energico nella vita di tutti i giorni.

(Buone abitudini)

6 Situazioni in cui i muscoli ti avvertono che qualcosa non va

6 Situazioni in cui i muscoli ti avvertono che qualcosa non va

Spesso, quando stiamo per ammalarci, notiamo quanti muscoli ci fanno soffrire. Ciò è dovuto alla ridotta attività del nostro sistema immunitario. In tutti i movimenti volontari e involontari che facciamo tutti i giorni, per produrre contrazioni muscolari. Il sistema muscolare complesso è effettuato per intero di oltre 650 muscoli che, insieme al sistema osseo, sostengono il corpo La sua attività è strettamente correlata alle funzioni metaboliche e infatti, anche se non esercitano sforzo, bruciano Inoltre, sono essenziali per tutte le attività che coinvolgono il movimento e la forza del corpo, motivo per cui è bene mantenerlo sano.

(Buone abitudini)