CHE COS'È UN GLOMERULONEFRITE

CHE COS'È UN GLOMERULONEFRITE

La glomerulopatia è il nome che diamo al gruppo di malattie che colpiscono i glomeruli, una struttura microscopica esistente nei reni, responsabile della filtrazione del sangue e della produzione di urina. Esistono diversi tipi di glomerulopatie, con la glomerulonefrite (infiammazione dei glomeruli) che è la forma più comune.

L'obiettivo di questo articolo non è di parlare specificamente di una glomerulopatia, ma piuttosto di spiegare in modo semplice cosa sia il glomerulo e quali siano le conseguenze delle malattie glomerulari nel loro complesso.

Prima di andare avanti, dobbiamo chiarire un casino. Il termine glomerulonefrite non serve a denotare tutte le malattie dei glomeruli, deve essere usato solo quando vi sono segni di infiammazione glomerulare. Il più corretto è dire glomerulopatie o malattie glomerulari. La glomerulonefrite è solo un tipo di glomerulopatia. Questa differenza verrà spiegata in modo più dettagliato in tutto il testo.

Cos'è il glomerulo?

Per capire quali sono le malattie glomerulari, devi prima sapere che cos'è un glomerulo e come funziona.

Tutti i nostri organi sono composti da unità di base di funzionamento: abbiamo i neuroni nel cervello, gli epatociti nel fegato, gli alveoli nel polmone, ecc. Nei reni, l'unità di base è il nefrone.

Ogni rene ha circa un milione di nefroni. Queste unità microscopiche sono responsabili della filtrazione del sangue e di alcuni ormoni prodotti dai reni. Ogni nefrone è composto da un glomerulo e il suo rispettivo tubulo renale.

Questa struttura "semplice" nella figura sotto è un nefrone, con il suo glomerulo, i tubuli renali e i vasi sanguigni che lo nutrono.

Il sangue che raggiunge i reni deve passare attraverso i glomeruli, un insieme di microscopiche vene capillari che hanno una membrana filtrante sul muro. Il glomerulo è il vero filtro dei reni.

L'illustrazione sotto riassume come funziona il glomerulo. Il sangue raggiunge il glomerulo attraverso un'arteriola (arteria microscopica) e passa attraverso diversi capillari, dove avviene il processo di filtrazione. Mentre il sangue passa attraverso il glomerulo, varie sostanze vengono ritirate e rilasciate nei tubuli renali, dando origine all'urina. Il sangue "pulito" lascia il glomerulo e ritorna nel flusso sanguigno, mentre lo "sporco" filtrato segue verso i tubuli renali.

Non tutto ciò che viene filtrato dai glomeruli è davvero "sporco" o sostanza inutile. Pertanto, un processo di selezione di ciò che è stato filtrato nel glomerulo si verifica nei tubuli renali.

Alcune sostanze importanti, come glucosio, sodio, potassio, calcio, ecc., Possono essere riassorbite in base alle esigenze del corpo. Si spegne solo nelle urine che non è necessario o che è in eccesso nel corpo.

Ad esempio, se l'individuo ha bassi livelli di potassio nel sangue, i tubuli si riassorbono il più possibile dal potassio che è stato filtrato attraverso i glomeruli, impedendogli di scorrere nelle urine. D'altra parte, se il livello di potassio nel sangue è alto, il tubulo non riassorbe quasi nulla, lasciando che una grande quantità di questa sostanza sia eliminata nelle urine.

Il processo finale di filtrazione glomerulare e riassorbimento tubulare in questi 1 milione di nefroni è ciò che costituisce la composizione della nostra urina.

Le grandi sostanze, come la maggior parte delle proteine ​​presenti nel sangue, non vengono solitamente filtrate perché sono più grandi dei pori della membrana glomerulare. Poiché non sono filtrati, né raggiungono i tubuli. Pertanto, l'urina normale non ha quasi nessuna proteina nel suo contenuto. Solo una piccola quantità di proteine ​​di piccolo volume di solito compaiono nelle urine di una persona sana. Se l'urina ha grandi quantità di proteine, c'è qualche problema nei glomeruli, che consentono la filtrazione degli stessi. Un glomerulo che consente il passaggio delle proteine ​​è come un filtro che consente il passaggio dei sassi, cioè un filtro vuoto che non viene correttamente interpretato. Questa informazione sarà importante prima.

Segni e sintomi di malattie glomerulari

Poiché il glomerulo è principalmente responsabile della filtrazione del sangue, qualsiasi malattia che la colpisce può influire sul funzionamento dei nostri reni.

Esistono 2 tipi base di lesione glomerulare:

- Sindrome nefritica o glomerulonefrite.
- Sindrome nefrotica.

Nella glomerulonefrite, un processo infiammatorio causa lesioni e riduce la capacità dei glomeruli di filtrare il sangue, causando insufficienza renale acuta, ipertensione e sangue nelle urine.

La presenza di sangue nelle urine, sia a occhio nudo che a livello microscopico, è un segno molto tipico della glomerulonefrite, sebbene non sia univoco per loro. L'infiammazione dei glomeruli consente alle cellule del sangue (globuli rossi) di passare attraverso le membrane glomerulari e cadere nei tubuli renali. Poiché i tubuli non riescono a riassorbire i globuli rossi, compaiono nelle urine.

Nella sindrome nefrosica, la più comune è una lesione della membrana glomerulare senza evidente infiammazione. È come se la membrana avesse dei buchi, come nell'analogia con un colino colante fatto poco tempo fa. Le proteine ​​che non devono essere filtrate passano attraverso i tubuli e sono indebitamente eliminate nelle urine. Pertanto, la perdita di proteine ​​nelle urine, chiamata proteinuria, è un tipico segno della malattia glomerulare.

E peggio, la proteinuria oltre a essere un segno di danno renale, è anche responsabile del peggioramento della condizione. I tubuli non sono preparati a ricevere proteine ​​e, nel tentativo di riassorbirli nuovamente nel sangue, le loro cellule finiscono per subire lesioni. Pertanto, in un primo momento, la proteinuria ci mostra che c'è qualcosa di sbagliato nel rene e, successivamente, se non trattata, diventa un fattore di aggressione e di progressione verso l'insufficienza renale.

I principali sintomi della proteinuria sono la presenza di troppa schiuma nelle urine e la comparsa di gonfiore nel corpo. Spieghiamo la proteinuria e la sindrome nefrosica in modo più dettagliato nei seguenti articoli:

  • SCHIUMA DI SCHIUMA E PROTEINURIA
  • SINDROME NEFROTICA

È importante notare che non è raro che i pazienti con malattie glomerulari abbiano contemporaneamente sintomi di sindrome nefrosica e sindrome nefritica.

Quali sono le cause delle malattie glomerulari?

Bene, finora abbiamo spiegato come funzionano i glomeruli e quali sono le lesioni più comuni che soffrono. Tuttavia, perché queste lesioni si presentano? Qual è l'origine delle malattie glomerulari? Perché il glomerulo subisce un infortunio in qualsiasi momento?

Le malattie glomerulari hanno diverse cause. Sono suddivisi in due grandi gruppi:

  • Glomerulopatie primarie: quando la causa della malattia glomerulare è limitata al rene, non vi è alcuna lesione in nessuna altra parte del corpo.
  • Glomerulopatie secondarie: quando una malattia sistemica attacca varie parti del corpo, inclusi, tra questi, i glomeruli.

Entrambe le glomerulopatie primarie e secondarie possono causare sindrome nefritica, sindrome nefrosica o entrambe.

1. Glomerulopatie secondarie

Tra le glomerulopatie secondarie, cioè le malattie sistemiche che possono attaccare i reni, possiamo menzionarne alcune comuni:

- Lupus.
- Epatite cronica B.
- Epatite cronica C.
- HIV.
- Obesità patologica.
- Uso di eroina.
- Sifilide.
- La granulomatosi di Wegener.
- La malattia di Goodpasture.
- Cancro.
- Faringite o lesioni cutanee da parte dei batteri Streptococco (glomerulonefrite post-infettiva).
- Infezioni della pelle causate da batteri Streptococco, come l'impetigine.
- Amiloidosi.

I pazienti che hanno le suddette malattie possono o non possono avere anche lesioni dei glomeruli. Alcune malattie, come il diabete e il lupus, causano molto spesso danni glomerulari, mentre altre, come la faringite, la sifilide e il cancro, lo fanno più raramente.

2. Glomerulopatie primarie

Mentre nelle glomerulopatie secondarie al danno glomerulare è causata da alcune malattie del corpo, le glomerulopatie primarie sono la malattia stessa. Allo stesso modo in cui il morbo di Alzheimer o di Parkinson sono malattie uniche del sistema neurologico, le glomerulopatie primarie sono malattie esclusive dei reni.

Le glomerulopatie primarie più comuni sono:

- Glomerulosclerosi segmentale e focale (può causare sindrome nefritica e / o nefrosica).
- Malattia da infortunio minimo (Solitamente causa solo sindrome nefrosica).
- Nefropatia membranosa (Solitamente causa solo sindrome nefrosica).
- Glomerulonefrite membranoproliferativa (può causare sindrome nefritica e / o nefrosica).
- nefropatia da IgA (può causare sindrome nefritica e / o nefrosica).

Diagnosi di malattie glomerulari

Ciascuna delle malattie glomerulari di cui sopra ha un quadro clinico, una prognosi e un trattamento diversi. Pertanto, la diagnosi del tipo di lesione glomerulare e il riconoscimento della presenza o dell'assenza di malattia sistemica associata sono vitali per il trattamento.

Gli esami del sangue possono mostrare insufficienza renale aumentando la creatinina. L'analisi delle urine può mostrare perdite di sangue e / o proteine. All'esame obiettivo possiamo identificare l'ipertensione e l'edema in tutto il corpo. L'esistenza di gonfiore nel corpo associato alla presenza di grandi quantità di proteine ​​nelle urine o l'esistenza di insufficienza renale associata alla perdita di sangue nelle urine sono fatti che suggeriscono fortemente l'esistenza di una malattia glomerulare.

Tuttavia, questi risultati clinici e di laboratorio indicano solo la presenza di una malattia glomerulare, ma non danno certezza o servono a definire se la glomerulopatia sia primaria o secondaria. È chiaro che se un paziente ha l'epatite C e improvvisamente inizia a mostrare segni di glomerulopatia, l'origine della lesione dei glomeruli è più o meno evidente. Il problema è che alcune malattie che causano glomerulopatie possono causare diversi tipi di glomerulonefrite e danno glomerulare, e per ognuno sono necessari trattamenti diversi. Solo il lupus può causare 6 diversi tipi di lesione glomerulare.

La situazione diventa ancora più difficile nei casi di glomerulopatie primarie. Il paziente presenta solo i sintomi delle sindromi nefrosiche o della glomerulonefrite senza ulteriori indizi sull'origine della lesione glomerulare. Clinicamente non è possibile stabilire quale tipo di glomerulopatia primaria il paziente abbia.

Per tutto questo, l'esame definitivo per la diagnosi delle malattie glomerulari è la biopsia renale. La biopsia renale è l'unico modo per sapere con certezza cosa causa la malattia glomerulare. Potrebbe dirci se il paziente ha lesioni di nefropatia membranosa, nefropatia da IgA, nefropatia da lupus o nefropatia diabetica, per esempio.

La biopsia oltre a definire la causa della glomerulopatia, fornisce anche indicazioni sulla prognosi della malattia. Se il campione bioptico mostra diverse lesioni gravi e molte cicatrici e sclerosi dei tubuli e dei glomeruli, è difficile per il paziente rispondere ai farmaci. Se oltre il 50% del tessuto renale viene distrutto, non vi è alcun motivo per iniziare i trattamenti con farmaci molto pesanti, che causano molti importanti effetti collaterali e un piccolo beneficio.

Trattamento di glomerulopatie

Poiché la maggior parte delle glomerulopatie derivano da fattori immunologici, spesso correlati a malattie autoimmuni, il trattamento si basa sull'uso di farmaci immunosoppressori, come corticosteroidi, ciclofosfamide, ciclosporina, azatioprina o micofenolato mofetile.

Il tipo di farmaco scelto varia in base alla causa della malattia glomerulare. La lupus glomerulonefrite e la sindrome di Wegener, ad esempio, spesso richiedono forti regimi di immunosoppressione, mentre una lesione minima non può nemmeno richiedere l'immunosoppressione, poiché il danno glomerulare di solito scompare spontaneamente, specialmente nei bambini.

Ogni caso è un caso e non è appropriato parlare qui in dettaglio del trattamento e della prognosi di ciascuna delle cause della malattia glomerulare. In generale, tuttavia, le forme più gravi o quelle che non sono state diagnosticate precocemente di solito causano la distruzione dei reni, causando la necessità di emodialisi del paziente. Alcune glomerulopatie impiegano diversi anni per uccidere i reni, mentre altri possono distruggerle in poche settimane.

Le glomerulopatie sono alla base solo del diabete e dell'ipertensione come causa dell'insufficienza renale cronica allo stadio terminale. Il grosso problema è che sono mal diagnosticati e spesso mal gestiti. Ad eccezione dei Nefrologi, la maggior parte dei medici ha pochissima esperienza con questo tipo di malattia.

Pertanto, se si hanno segni che potrebbero suggerire una malattia glomerulare, in particolare sangue o proteine ​​nelle urine, anche in una piccola quantità, a meno che la causa sia ovvia, come in una infezione del tratto urinario o di calcoli renali, la più corretta è quella cerchi l'aiuto di un nefrologo medico.


ESCHYSTEROSIS - Sintomi, ciclo e trattamento

ESCHYSTEROSIS - Sintomi, ciclo e trattamento

La schistosomiasi, nota anche come pancia d'acqua o malattia di chiocciola, è un'infezione causata da parassiti del genere Schistosoma . Esistono sei specie di Schistosoma , cioè: S. mansoni, S. hematobium, S. intercalatum, S. japonicum, S. malayensis e S. mekongi . In questo testo ci concentreremo solo su Schistosoma mansoni ( S.

(medicina)

BROMOPRIDA - Per quello che è, dosaggio ed effetti collaterali

BROMOPRIDA - Per quello che è, dosaggio ed effetti collaterali

Il bromopride, noto anche con il nome commerciale di Digesan, è un farmaco che agisce stimolando la motilità gastrica e accelerando lo svuotamento dello stomaco, cosa che lo rende utile nei casi di reflusso gastroesofageo e nei pazienti con nausea e vomito. Questo testo non ha lo scopo di riprodurre l'intero foglietto illustrativo per il bromopride.

(medicina)