ATENOLOLO - Cosa serve, dosaggio ed effetti collaterali

ATENOLOLO - Cosa serve, dosaggio ed effetti collaterali

L'atenololo è un farmaco che appartiene alla classe dei beta-bloccanti, che è comunemente usato nel trattamento dell'ipertensione, della coronaropatia ischemica e di alcuni tipi di aritmie cardiache.

L'atenololo e altri beta-bloccanti sono indicati nel trattamento delle malattie cardiovascolari mediante un'azione diretta sulla frequenza cardiaca e sulla forza di contrazione del muscolo cardiaco, riducendo così la richiesta di energia del cuore.

In questo articolo, tratteremo i seguenti punti su atenololo:

  • Meccanismo d'azione.
  • Indicazioni.
  • I nomi commerciali più famosi.
  • Come prendere
  • Effetti collaterali
  • Controindicazioni.
  • Interazioni farmacologiche.

Attenzione: questo testo non intende essere un'etichetta completa per atenololo. Il nostro obiettivo è quello di essere meno tecnici di un'etichetta e più utili per i pazienti che cercano informazioni oggettive e in un linguaggio accessibile al pubblico laico.

Come funziona Atenolol

L'atenololo è un farmaco che fa parte della classe dei beta-bloccanti, chiamati anche bloccanti beta-adrenergici. Altri farmaci noti di questa classe sono: propranololo, bisoprololo, metoprololo, nebivololo, carvedilolo e timololo.

I farmaci beta-bloccanti agiscono prevenendo l'azione dell'adrenalina e della noradrenalina sui recettori beta presenti in vari organi, come cuore, polmoni e vasi sanguigni.

Esistono 2 tipi di recettori beta: beta-1 e beta-2.

I recettori Beta-1 sono principalmente presenti nel cuore, nei reni, nell'intestino, negli occhi e nei polmoni. Ma i recettori beta-2 esistono prevalentemente nei polmoni, nei vasi sanguigni, nel pancreas e in quantità minori nel cuore.

L'atenololo è un bloccante selettivo beta-1, cioè agisce prevalentemente sui recettori beta-1. Lo scopo principale della tua azione è il cuore.

Come risultato del blocco dei recettori beta-1, atenololo promuove:

- Frequenza cardiaca ridotta.
- Riduzione della forza di contrazione del muscolo cardiaco.
- Riduzione del volume di sangue pompato dal ventricolo sinistro.
- Ridotta produzione di renina da parte dei reni, che inibisce la ritenzione di sale e liquidi.
- Ritardo nella conduzione degli impulsi elettrici da parte del nodo AV del cuore.

L'atenololo inizia ad avere effetto con circa 60 minuti e il picco di azione si verifica da 2 a 4 ore. Il suo effetto dura per circa 24 ore.

Nell'ipertensione, l'effetto massimo del farmaco viene raggiunto solo dopo 1-2 settimane di uso continuo.

La selettività beta-1 di atenololo è ridotta all'aumentare della sua dose, così che a dosi elevate il farmaco inibisce entrambi i recettori beta-1 e beta-2.

A cosa serve atenololo?

Le azioni beta-bloccanti sui recettori beta-1 rendono atenololo utile nel trattamento delle seguenti condizioni:

  • Ipertensione.
  • Angina pectoris.
  • Infarto miocardico
  • Insufficienza cardiaca non compensata
  • Aritmie cardiache che si verificano con battiti cardiaci elevati.

Ridurre il lavoro cardiaco inibendo i recettori beta-1 aiuta a ridurre il dispendio energetico e il bisogno di sangue dal cuore, che è utile nell'ischemia, come l'angina e l'infarto.

La riduzione della forza di contrattilità del cuore e il volume di sangue pompato dal ventricolo sinistro, associato a una ridotta ritenzione di liquidi e sodio da parte dei reni, aiuta a controllare la pressione sanguigna.

Infine, la riduzione della velocità di trasmissione degli impulsi elettrici cardiaci aiuta a controllare le aritmie, come flutter atriale, fibrillazione atriale e tachicardia sopraventricolare.

Come prendere atenololo

L'atenololo può essere trovato in compresse da 25 mg, 50 mg e 100 mg.

Dosaggio nell'ipertensione: dose iniziale da 25 a 50 mg al giorno. La dose può essere aumentata a 100 mg al giorno in una singola dose giornaliera. Dosi superiori a 100 mg / die non apportano benefici nel controllo della pressione arteriosa e aumentano ancora il rischio di effetti collaterali.

Dosaggio nell'angina pectoris: da 50 a 100 mg al giorno. Alcuni cardiologi usano dosi fino a 200 mg al giorno (100 mg 12/12 ore).

Posologia dopo infarto miocardico: 100 mg al giorno.

Posologia nella fibrillazione atriale: da 25 mg a 50 mg al giorno. La dose può essere aumentata a 100 mg se necessario per controllare la frequenza cardiaca.

NOMI COMMERCIALI Atenololo

Atenololo è stato sul mercato per molti anni e può essere facilmente trovato sotto forma di farmaci generici.

I prezzi di atenololo variano molto a seconda della marca e del dosaggio. Controlla le opzioni, poiché i prezzi delle scatole possono variare da R $ 1, 50 (30 compresse da 25 mg di medicina generica) a R $ 90, 00 (30 compresse da 100 mg del farmaco di marca).

Tra i nomi commerciali, i più famosi sono Atenol (Brasile) o Tenormin (Portogallo), entrambi dal laboratorio Astrazeneca, che sono considerati il ​​medicinale di riferimento per la sostanza atenololo.

Altri nomi commerciali facilmente reperibili nelle farmacie sono:

- Ablok.
- Agiless.
- Angipress.
- Atecard.
- Ateneo.
- Ateneum.
- Atenobal.
- Atenolab.
- Atenopress.
- Atenoton.
- Atensiol.
- Ateplus.
- Atepress.
- Plenacor.
- Ritcor.
- Telol.
- Tenolon.

Effetti collaterali di Atenololo

Gli effetti avversi di atenololo sono direttamente collegati alla sua azione di blocco del recettore beta-1.

La bradicardia, caratterizzata da una frequenza cardiaca inferiore a 60 battiti al minuto (bpm), è l'effetto indesiderato più comune. Il rischio di bradicardia è maggiore se il paziente ha già una frequenza cardiaca normale vicino a 60 bpm o se sta prendendo qualsiasi altro farmaco che abbia anche un effetto bradicardico, come digossina, diltiazem o verapamil.

Come con qualsiasi farmaco antipertensivo, l'ipotensione è anche un effetto collaterale comune di atenololo, specialmente se assunto a dosi elevate.

Altri possibili effetti collaterali includono: estremità fredde, stanchezza, vertigini, impotenza sessuale, depressione, broncospasmo, insonnia, diarrea, stitichezza e nausea.

Controindicazioni di atenololo

Atenololo non deve essere usato da nessun paziente ad alto rischio di effetti avversi correlati al blocco della beta-1. Tra questi possiamo menzionare le persone che presentano:

  • Bradicardia.
  • Blocco atrioventricolare di 2 ° o 3 ° grado.
  • Insufficienza cardiaca scompensata.
  • Ipotensione arteriosa
  • Ischemia degli arti inferiori.

L'atenololo è anche controindicato in gravidanza perché può attraversare la barriera placentare, causando effetti sul feto.

Situazioni precauzionali:

  • Asma - sono consentite solo basse dosi e follow-up medico.
  • Diabete - può impedire al paziente di avvertire i sintomi dell'ipoglicemia.
  • Feocromocitoma - può essere usato solo se il paziente è già in un alfa bloccante.
  • La psoriasi - può aggravare i sintomi.
  • Depressione - può aggravare i sintomi.

Interazioni farmacologiche

La co-somministrazione di atenololo con i seguenti farmaci deve essere eseguita con cautela e monitoraggio dei rischi poiché esiste un alto rischio di bradicardia:

  • Verapamil.
  • Diltiazem.
  • Digossina.
  • Amiodarone.
  • Alfa-2 agonisti.
  • Rivastigmina.

L'atenololo non ha alcuna influenza sull'effetto delle pillole anticoncezionali.


Diabete di tipo 2: cause e fattori di rischio

Diabete di tipo 2: cause e fattori di rischio

Il diabete di tipo 2 è la forma più comune di diabete mellito, che colpisce oltre 350 milioni di persone in tutto il mondo. Questa forma di diabete si sta espandendo, aumentando la sua incidenza in tutti i paesi, principalmente a causa di una dieta povera e di un aumento dei casi di obesità. Negli ultimi 30 anni il numero di casi di diabete di tipo 2 è aumentato di oltre il 100%. Pe

(medicina)

COQUELUCHE - Sintomi, trasmissione, trattamento e vaccino

COQUELUCHE - Sintomi, trasmissione, trattamento e vaccino

La pertosse, nota anche come pertosse o pertosse, è un'infezione del tratto respiratorio altamente contagiosa causata da Bordetella pertussis . La pertosse, una malattia attualmente prevenibile con il vaccino, è accompagnata da violenti attacchi di tosse dolorosa. In questo testo affronteremo la trasmissione, i sintomi, il trattamento e la prevenzione di questa infezione Epidemiologia della pertosse Fino alla prima metà del 20 ° secolo la pertosse era una delle principali cause di morte nei bambini. Do

(medicina)