Nessuno dovrebbe essere abbastanza grande da rovinarti la vita

Nessuno dovrebbe essere abbastanza grande da rovinarti la vita

Tendiamo ad avvelenare le nostre vite molto facilmente, per paura, a causa di atteggiamenti negativi, a causa di insicurezze, perché ci preoccupiamo di cose che non sono non ne vale la pena ...

È una facoltà umana tanto comune quanto scomoda che provoca, senza che ne sappiamo il motivo, una caduta in un abisso grigio, di apatia e malvagità.

È necessario concentrarsi sulle cose in un altro modo. È davvero molto comune permettere agli altri di avvelenare le nostre vite, lasciandoli adottare un atteggiamento che non dovremmo accettare.

Sappi che l'amarezza è soprattutto l'incapacità di essere felice.

Prima di criticare o dire a qualcuno che l'unica cosa che fanno è di avvelenare la vita , sii paziente e ascolta se quella persona sta soffrendo di un problema, come una depressione per esempio.

Se c'è solo la volontà di ferire e fare un ricatto emotivo, allora non permetterlo.

Nessuno dovrebbe essere abbastanza importante nella tua vita per rubare la tua felicità in cambio di niente. Ti invitiamo a pensare a questa idea.

È proibito sprecare la vita degli altri

Da oggi, metteremo in pratica un nuovo obiettivo: è vietato rovinare la vita degli altri figuriamoci farlo con noi.

Leggi anche: Quando non sappiamo ciò che non ne vale la pena, mostriamo l'intelligenza

Apriremo i nostri ombrelli emotivi per essere in grado di per proteggerci dai commenti dannosi, da quelli che cercano di spezzare le ali quando vogliamo volare, da quelli che estinguono i nostri sogni e da quelli che ci ripetono ogni giorno: "non puoi."

Per ottenere possiamo usare queste semplici strategie

Ti ascolto, ti capisco, ma mi proteggo da te

Come ti abbiamo detto all'inizio di questo articolo, un comportamento caratterizzato da amarezza irritabilità o apatia possono rappresentare l'origine di una depressione nascosta.

  • Reagire con rabbia o il disinteresse potrebbe intensificare le emozioni negative dell'altra persona.
  • È consigliabile ascoltare sempre colui che ci porta amarezza e mostrare il suo disaccordo con calma, assertività e pazienza.
  • Se questa persona ha bisogno di aiuto, dai loro le strategie per andare
  • Se è solo una grande mancanza di empatia e rispetto per noi, apri il tuo ombrello difensivo e metti via.

L'amarezza non si risolve con non più amarezza

Un rimprovero non è risolto con un insulto. Le paure non vanno via con maggiori paure, e l'amarezza non svanisce accumulando più emozioni negative.

Leggi anche: Cose da dire alle persone con depressione

  • Uno dei tuoi parenti, coniugi o amici è qualcuno che è abituato a darti "giorni grigi" durante i momenti piacevoli, o per renderti un ego in ogni sogno, non alimentare più la situazione con la rabbia, con reazioni ostili
  • Dobbiamo essere assertivi, ma anche intelligenti. A volte non possiamo cambiare il modo di essere di quelli intorno a . Esistono modelli di personalità usati per screditare gli altri, per offendere e disprezzare.

Prima lo accettiamo, meglio è, perché saremo in grado di agire in modo logico: con muri a distanza e difensivi.

Chiavi contro l'amarezza

Rafael Santandreu è uno psicologo che, grazie al suo libro L'arte di non avvelenare la vita , ci ha mostrato che questa scarsa qualità della vita che viviamo in un certo momento è il risultato di una filosofia sbagliata che applichiamo, senza sapere come, ai nostri atti e ai nostri pensieri.

Ti raccomandiamo anche di leggere: Colui che giudica non definisce la persona giudicata, si definisce

Ecco un buon modo per gestire questo: apprendere se non avveleniamo la vita. Per sapere come farlo, prendi in considerazione queste semplici strategie:

  • Non lamentarti così tanto. Invece di lamentarci di ciò che non abbiamo, dobbiamo cercare di apprezzare ciò che già abbiamo e risolvere ciò che ci preoccupa.
  • Per usare la terminologia di questo psicologo, non " terrorizza " la tua vita. Spesso tendiamo a dire: "se mi licenziano, sarà terribile, sarà la fine", "la mia consorte mi lascerà, morirò, sarà terribile".
  • Anche se non lo conosci no, hai bisogno di pochissimo per essere felice. Prova ad apprezzare le piccole cose intorno a te.
  • Prenditi cura del tuo dialogo interiore. A volte siamo i nostri peggiori nemici.
  • Non aspettarti nessuno, non aspettare gli altri.
  • Amati incondizionatamente, essere in grado di accettare chi ti circonda per quello che sono. Amali con rispetto, proprio come ti rispetti.
  • Usa le risate nel caos di chi ti circonda. Se qualcuno si sforza di rovinarti la vita, rispondilo con umorismo.

Non ha senso, perché ognuno di questi cattivi comportamenti non deve avere alcun potere su di te.


Quando essere forti è l'unica opzione

Quando essere forti è l'unica opzione

Ci sono momenti nella vita in cui niente funziona . Tutto inizia ad andare contro di te e tu non puoi fare nulla per evitarlo. Ma, guarda tutto, c'è qualcosa di cui non sei sicuramente consapevole: scoprirai che essere forte è il tuo unico Ti consigliamo di leggere: ho imparato ad essere forte quando ho capito che dovevo alzarmi da solo Spesso la vita presenta difficoltà che ci permettono di imparare ad arrenderci.

(Sesso e relazioni)

Menopausa: All'incrocio di strade fisiche ed emozionali

Menopausa: All'incrocio di strade fisiche ed emozionali

Molte donne chiamano l'arresto delle regole "il cambiamento della vita", o semplicemente "il cambiamento" . Infatti, durante gli anni della menopausa, si verificano variazioni graduali nelle funzioni ovariche e corporee, che possono durare tra i sei ei tredici. Nessuna altra fase della vita permette alle donne di sperimentare tante opportunità di aprirsi a se stesse, nonostante tutta la negatività simbolica che regna intorno a questo periodo.

(Sesso e relazioni)