21 CONSIGLI PER PREVENIRE L'INFEZIONE URINARIA

21 CONSIGLI PER PREVENIRE L'INFEZIONE URINARIA

L'infezione del tratto urinario è una delle più comuni malattie batteriche nell'uomo, in particolare nelle femmine. Si stima che il 60-70% delle donne avrà almeno un episodio di infezione del tratto urinario durante la loro vita.

La cistite, che è l'infezione della vescica, è la forma più comune di infezione del tratto urinario ed è caratterizzata da sintomi come la minzione dolorosa e il costante bisogno di fare pipì anche quando la vescica è vuota.

Molte donne hanno più di un episodio di cistite durante la loro vita. Altri hanno più di un episodio all'anno. Tuttavia, ci sono anche quelli che presentano la cosiddetta infezione del tratto urinario ripetitivo, con più di 3 episodi di cistite ogni anno.

La cistite si verifica quando i batteri naturali nell'intestino (enterobatteri) e nella regione intorno all'ano, come E. coli, Proteus e Klebsiella, possono migrare nella regione della vagina e colonizzare l'entrata dell'uretra, un canale che trasporta l'urina proveniente dalla vescica Una volta nell'uretra, i batteri possono facilmente raggiungere la vescica, dove si moltiplicano e provocano una reazione infiammatoria intensa.

L'infezione del tratto urinario è una malattia causata dalla contaminazione della vescica da parte dei batteri nel proprio corpo. Non è, quindi, una malattia trasmessa da una persona all'altra.

Non tutte le infezioni del tratto urinario possono essere prevenute, tuttavia, le misure che impediscono o ostacolano la migrazione dei batteri dall'intestino alla vescica aiutano a ridurre il rischio.

In questo articolo parleremo di alcune semplici misure che possono essere istituite con l'intenzione di ridurre l'incidenza delle infezioni urinarie. Concentriamoci sulle donne, perché l'infezione del tratto urinario è molto più comune nelle donne.

Le infezioni urinarie nell'uomo sono di solito correlate a problemi urologici, come le malattie della prostata, la presenza di catetere vescicale o doppia J, o difetti anatomici della regione urogenitale. I giovani con infezioni del tratto urinario frequenti devono essere valutati da un urologo.

Prima di andare avanti, guarda questo breve video che spiega perché le donne hanno più infezioni del tratto urinario rispetto agli uomini (cliccando sull'immagine qui sotto, il video si aprirà in una nuova finestra).

Suggerimenti per prevenire l'infezione del tratto urinario

1. Passa sempre la carta igienica avanti e indietro

Poiché l'infezione del tratto urinario è causata da batteri provenienti dal perineo e dalla regione anale, nel momento in cui si pulisce l'ano o la vagina con una carta igienica, la direzione deve essere sempre avanti e indietro, cioè la carta passa prima nella vagina e dopo l'ano, mai il contrario. L'obiettivo non è quello di trascinare i batteri dalla regione anale nella vagina.

Seguendo la stessa logica, non si dovrebbe passare lo stesso ruolo due volte di seguito. Passa il foglio una volta. Se hai ancora bisogno di pulire di più, usa un nuovo pezzo.

2. Evitare un'igiene intima eccessiva

La cistite può essere causata da cattive abitudini igieniche, ma anche da un'eccessiva igiene. La vagina ha la sua flora naturale di germi, che aiutano a prevenire l'arrivo di batteri nocivi dall'ano. Se pulisci frequentemente la vulva e il perineo o usi speciali prodotti antisettici, potrebbe esserci una riduzione della popolazione naturale di batteri nella tua vagina, che renderà la vita più facile ai batteri invasivi, che hanno trovato molto meno concorrenza all'arrivo nella regione intorno all'uretra.

Pertanto, la pulizia deve essere eseguita in modo parsimonioso e solo con acqua e sapone neutro. Non c'è bisogno di spendere soldi per comprare prodotti speciali per l'igiene intima.

3. Evitare vasche da bagno

L'acqua del bagno diventa rapidamente popolata da batteri provenienti dalla regione del perineo. Se ti siedi troppo a lungo, c'è un maggior rischio che gli enterobatteri possano migrare nella regione intorno all'uretra. Rimanere rilassati nella vasca piena di bolle è più o meno nei film, ma se hai problemi frequenti alle vie urinarie, dai la preferenza ai bagni per la doccia.

Nota: i bagni in piscina o in mare non sono problemi, non solo per il volume d'acqua molto più grande, ma anche per la presenza di cloro nella piscina o alte concentrazioni di iodio e sale marino.

4. Evita i doppi vaginali

La doccia è la forma più sicura, tuttavia, non dovresti dirigere la doccia verso la vagina. Le docce vaginali non aiutano nell'igiene intima e facilitano ancora la migrazione degli enterobatteri.

5. Non usare prodotti chimici nell'intimo

Prodotti chimici come profumi, deodoranti o polveri non devono essere utilizzati nelle parti intime in quanto possono causare irritazioni. I batteri aderiscono più facilmente nei luoghi in cui la pelle è irritata. Se la regione intorno all'uretra è infiammata, gli enterobatteri saranno più facili da colonizzare il sito. Evitare l'uso di qualsiasi prodotto a base di alcool o di forte odore in questa regione.

6. Sostituire frequentemente il tampone assorbente

La presenza di umidità e sangue aumenta notevolmente il rischio di crescita batterica. Non lasciare che il tuo assorbente interno rimanga pieno a lungo, soprattutto se si tratta di un assorbente esterno, che può lasciare la pelle intorno all'uretra umida e insanguinata. C'è ancora polemica tra gli esperti su quale tipo di assorbente sia il più pericoloso: interno o esterno. Nel dubbio, indipendentemente dall'assorbente utilizzato, cambiarlo frequentemente.

Urina dopo il rapporto sessuale.

L'infezione del tratto urinario non è una malattia a trasmissione sessuale, ma l'atto sessuale da solo produce attrito, che porta all'irritazione della regione genitale e aiuta a diffondere i batteri dal perineo. L'atto di urinare alla fine di ogni relazione aiuta a "lavare" l'uretra spingendo fuori i batteri che possono essersi migrati durante il sesso.

Nota: l'uso del preservativo non riduce il rischio di infezione del tratto urinario post-coito. Ricorda, i batteri non provengono dal partner.

8. Lavare la regione del perineo prima di fare sesso

Lavare la regione anale e perineale con acqua e sapone appena prima del rapporto sessuale aiuta a ridurre la quantità di enterobatteri che possono essere spinti nella vagina.

9. Evita il sesso anale

Il sesso anale, soprattutto se eseguito dal sesso vaginale, aumenta notevolmente il rischio di infezione del tratto urinario. La ragione è ovvia, perché i batteri della regione anale vengono trasportati direttamente nella vagina. Ma anche il sesso anale isolato può essere sufficiente a diffondere i batteri dal retto attraverso la regione del perineo.

10. Bevi molta acqua

L'assunzione di liquidi mantiene l'urina più diluita e fa sentire il paziente la necessità di urinare più spesso, aiutando ad espellere i batteri che si trovano nel tratto urinario.

11. Evita di tenere l'urina troppo a lungo

Evitare gli intervalli più lunghi di 4 ore senza urinare. L'urina ferma nella vescica facilita la proliferazione dei batteri.

12. Non usare spermicidi

L'applicazione di spermicidi, sia in gel che in crema, aumenta il rischio di infezione del tratto urinario, poiché possono causare irritazioni nella zona genitale. Allo stesso modo, dovrebbero essere evitati i preservativi contenenti spermicidi.

13. Evitare l'uso del diaframma

Le donne che usano un diaframma e hanno un'infezione del tratto urinario spesso dovrebbero considerare un cambiamento del metodo contraccettivo perché il diaframma può premere la vescica o l'uretra, rendendo difficile lo svuotamento dell'urina. Una vescica che non si svuota completamente è più esposta alla proliferazione dei batteri.

14. Indossare vestiti di cotone o leggeri

Indossare abiti leggeri in modo da non lasciare la zona genitale molto umida dal sudore. La pelle umida e chiusa a lungo sotto gli indumenti che non consente la circolazione dell'aria favorisce la proliferazione dei batteri.

15. Consuma cibi con il mirtillo

Un frutto della famiglia delle more, chiamato mirtillo (mirtillo o mirtillo), sembra essere efficace nel prevenire la cistite. Il frutto può essere consumato sotto forma di succo o attraverso capsule già ampiamente commercializzate. Non c'è ancora una chiara evidenza dell'efficacia di questo frutto, ma, poiché non lo fa, la maggior parte dei medici finisce per indicarne l'uso.

16. Creme per estrogeni menopausa

Dopo la menopausa, la mancanza di estrogeni provoca secchezza vaginale e ridotta flora batterica naturale. Questi due cambiamenti aumentano il rischio di colonizzazione della vagina da parte degli enterobatteri. L'uso di estrogeni sotto forma di crema vaginale aiuta a ripristinare l'ambiente naturale della vagina riducendo l'incidenza delle infezioni urinarie.

17. Evitare l'uso indiscriminato di antibiotici

Alcune persone con frequenti casi di infezioni delle vie respiratorie, in particolare della gola, del naso o dell'orecchio, finiscono per fare uso frequente di antibiotici, spesso inutilmente, poiché la maggior parte di queste infezioni sono causate da virus.

L'uso indiscriminato di antibiotici durante la vita può alterare la normale composizione della flora batterica vaginale, facilitando l'insorgenza di infezioni ginecologiche come la candidosi o l'infezione del tratto urinario. L'uso frequente di antibiotici può anche selezionare batteri dall'intestino, creando ceppi resistenti, che porta alla comparsa di infezioni urinarie multiresistenti ai soliti antibiotici.

18. Probiotici

I probiotici del lattobacillo sono farmaci assunti per via orale o intra-vaginale, che mirano a rafforzare la flora vaginale e disturbare l'attaccamento degli enterobatteri nella regione intorno all'uretra. È un trattamento ancora in fase di studio ma apparentemente efficace nel ridurre l'incidenza delle infezioni del tratto urinario.

19. Vaccini

Esistono già vaccini composti da ceppi di E. coli morti, responsabili di oltre l'80% dei casi di infezione del tratto urinario, che hanno buoni risultati. Esempi sono: Solco-Urovac, Urovaxom e Strovac.

I vaccini con somministrazione intra-vaginale o intramuscolare sembrano essere più efficaci dei vaccini orali.

È importante sottolineare che questi vaccini non proteggono contro la cistite causata da enterobatteri a diversa da E. coli.

20. Antibiotici profilattici

Alcune donne, anche se seguono tutti i suggerimenti sopra descritti, continuano ad avere immagini ripetute di infezione del tratto urinario. In questi casi, può essere indicato l'uso prolungato di antibiotici a basse dosi. Gli studi hanno dimostrato che l'uso quotidiano di antibiotici, come Bactrim (sulfametossazolo / trimetoprim), può essere utilizzato in modo sicuro ed efficace per un massimo di 5 anni, riducendo il tasso di nuove infezioni urinarie di oltre il 95%.

21. Antibiotici postcoital

Alcune donne hanno ripetuto immagini di cistite chiaramente correlate all'attività sessuale. Sono cistite che compaiono sempre da 24 a 48 ore dopo il rapporto sessuale. In questi casi, la profilassi antibiotica può essere eseguita puntualmente, solo dopo l'atto sessuale. Invece di assumere antibiotici quotidianamente come descritto nella punta 20, la donna viene istruita a prendere una singola compressa di antibiotico appropriato ogni volta che fa sesso.

In particolare, parliamo di cistite postcoitale nel seguente articolo: CISTITO DI MIELE - Infezioni del tratto urinario dopo il sesso.


Fimosi - cause, sintomi e trattamento

Fimosi - cause, sintomi e trattamento

Punti chiave → Cosa sono la fimosi e la parafimosi: la fimosi si verifica quando non è possibile ritrarre la pelle che copre la punta del pene, chiamata prepuzio. La parafimosi, a sua volta, si manifesta quando il prepuzio può essere ritratto, ma è talmente stretto che non ritorna al punto di origine, causando uno strangolamento del glande (testa del pene). → C

(medicina)

ACIDO MEFENAMICO - Rimedio per i crampi mestruali

ACIDO MEFENAMICO - Rimedio per i crampi mestruali

L'acido mefenamico, noto anche con il nome commerciale di Ponstan, è un farmaco antinfiammatorio non steroideo (NSAID), che ha proprietà analgesiche e antinfiammatorie. Sebbene l'acido mefenamico abbia un effetto infiammatorio e analgesico di intensità da lieve a moderata, sembra essere particolarmente efficace nel trattamento dei crampi mestruali. I

(medicina)