VIDEO: RADIAZIONE DI SIGARETTE E AMBIENTE

VIDEO: RADIAZIONE DI SIGARETTE E AMBIENTE

Visita il nostro canale Youtube: https://www.youtube.com/mdsaude

Trascrizione video

Ciao, hai mai letto o sentito che le sigarette sono radioattive nella tua vita?

Lo sapevi che fumando due pacchetti di sigarette al giorno per un anno espone i tuoi polmoni a una quantità di radiazioni pari a 5.000 radiografie del torace?

Vuoi saperne di più? Quindi rimanete sintonizzati!

Dal momento in cui questa sigaretta è accesa, il processo di combustione genererà circa settemila diversi prodotti chimici. Di questi 400 sono noti per essere tossici e 70 possono causare il cancro.

Ma come se ciò non fosse abbastanza grave, una sigaretta accesa è anche in grado di generare sostanze radioattive.

Ma prima di parlare in modo specifico della radioattività delle sigarette, chiariamo alcuni concetti sui diversi tipi di radiazioni.

La maggior parte delle persone quando sentono parlare di radiazioni pensano a materiali radioattivi prodotti da centrali nucleari, bombe atomiche o test radiologici.

Ma ciò che la maggior parte della gente non sa è che non esiste un singolo momento della giornata in cui non si è esposti a qualche tipo di radiazioni.

La radiazione è qualsiasi propagazione di energia da un punto a un altro. Ad esempio, le onde elettromagnetiche di radio, stazioni TV, telefoni cellulari, apparecchi a microonde e la luce stessa sono forme di radiazione.

Il tipo di radiazione che questi dispositivi usano è chiamato radiazione non ionizzante, che è una forma di radiazione a bassa energia e non danneggia la nostra salute.

La forma di radiazione che è pericolosa per gli esseri viventi è la radiazione ionizzante, che è un tipo di radiazione che ha abbastanza energia per espellere gli elettroni dagli atomi.

La ionizzazione degli atomi nel corpo umano provoca danni alle cellule e al nostro DNA.

È interessante notare che le radiazioni ionizzanti non provengono solo da materiali radioattivi prodotti dall'uomo. Ci sono radiazioni ionizzanti di origine naturale su tutti i lati: l'aria che respiriamo, il cibo che mangiamo, gli alberi, le pareti degli edifici, le spiagge e il suolo.

C'è anche la radiazione ionizzante di origine cosmica, che proviene dallo spazio e raggiunge il nostro pianeta in modo costante.

Fortunatamente, questo tipo di radiazione non ci danneggia, perché gran parte di essa viene filtrata dalla nostra atmosfera e dal campo magnetico terrestre.

La somma di tutte queste radiazioni ionizzanti a cui siamo esposti si chiama radiazione di fondo.

Nel corso di un anno, la quantità di radiazioni di fondo che una persona espone di solito è di circa 3 millisievert.

Come avrai intuito, 3 millisieverts è una quantità molto piccola di radiazioni, il che non è sufficiente a causare danni alla nostra salute.

Per farti un'idea più precisa della quantità di radiazioni a cui siamo esposti ogni giorno, facciamo alcuni confronti.

Tutti gli alimenti emettono radiazioni, altri meno. Una banana, ad esempio, che è un frutto ricco di potassio, emette una radiazione di circa 0, 0001 millisievert.

Ciò significa che per ricevere la stessa dose di radiazioni da una radiografia del torace avremmo bisogno di mangiare 100 banane alla volta.

Sapendo che una radiografia del torace emette una radiazione ionizzante di circa 0, 01 millisieverts, vedere i seguenti esempi:

Un lavoratore in una centrale nucleare riceve una dose media annuale di radiazioni di 0, 18 millisievert, che è una dose equivalente a 16 radiografie del torace.

Come già affermato, la dose totale di radiazioni di fondo che riceviamo da fonti naturali e artificiali per un intero anno è di tre millisievert. Questa quantità di radiazioni equivale a 300 radiografie del torace.

300 raggi X del torace possono anche assomigliare a una dose di radiazioni molto elevata, ma è la metà della dose di radiazioni ionizzanti che una persona attualmente riceve se rimangono solo un'ora vicino alla centrale nucleare di Chernobyl.

I sei millisieverts all'ora che riceveresti sono equivalenti a fare 600 radiografie al torace ogni ora.

Già la dose massima annuale di radiazioni ionizzanti consentite dalla legge per una persona che lavora con l'esposizione alle radiazioni è di 20 millisievert. Ciò equivale a 2000 radiografie del torace all'anno.

Questa dose di 20 millisievert è stata scelta come limite di sicurezza perché la dose annuale di radiazioni chiaramente associata alla comparsa dei tumori è di 100 millisievert, che equivale a fare 10.000 radiografie del torace.

Se mettessimo ciascuna di queste 10.000 radiografie una sopra l'altra, formeremmo una pila di altezza dell'elefante.

Parlando ora di situazioni più estreme.

La dose di radiazioni ionizzanti ricevute in una sola volta che è in grado di provocare sintomi acuti di intossicazione radioattiva è di 400 millisieverts, cioè 40.000 radiografie del torace.

In questo caso, la nostra pila di radiografie sarebbe alta circa 10 metri e sarebbe più alta di una casa.

Infine, la dose di radiazioni ionizzanti ricevute in una sola volta che è letale è di 4 mila millisievert, che equivale a 400 mila radiografie.

Ciò significa che la quantità di raggi X che dovresti fare per morire di intossicazione da radiazioni acuta formerebbe un ammasso di pile vicino a un edificio di 30 piani.

Ora che hai un'idea di cosa sono le radiazioni ionizzanti e quali sono le sue sostanze nocive, possiamo parlare specificamente della radiazione prodotta dalla sigaretta.

Le sigarette sono radioattive perché contengono gli elementi chimici Polonium-210 e Lead-210.

Il polonio e il piombo sono elementi che penetrano nelle coltivazioni di tabacco a causa del tipo di fertilizzante che viene solitamente utilizzato per la loro coltivazione.

Una volta che la foglia di tabacco assorbe gli elementi radioattivi non c'è più modo di rimuoverli.

Il problema principale delle sigarette è il fatto che questi elementi radioattivi si sono accumulati nei polmoni.

Nei fumatori, il catrame presente nella sigaretta tende a depositarsi nelle aree di biforcazione dei bronchi, assorbendo con esso rilevanti quantità di polonio radioattivo e piombo.

Questo accumulo di materiale radioattivo nei bronchi espone i polmoni del fumatore a livelli molto elevati di radiazioni.

Una persona che fuma circa due pacchetti di sigarette al giorno riceve una radiazione di 100 e 200 millisieverts in alcuni segmenti del suo polmone per un intero anno.

Questa quantità di radiazioni equivale a 5.000 radiografie del torace, più di 60 volte la dose annuale di radiazioni di fondo, cinque volte la dose massima annuale consentita per le persone che lavorano con le radiazioni.

Ma se i fumatori accumulano materiale radioattivo nei loro polmoni, sarebbero essi stessi radioattivi?

Fortunatamente no, la radiazione ionizzante emessa dal polonio depositato nei polmoni è di tipo Alpha, che è una forma di radiazione con scarsa capacità di penetrare nei tessuti.

Ciò significa che sebbene questa radiazione sia estremamente dannosa per i tessuti polmonari del fumatore, è fondamentalmente limitata a quella regione. Puoi abbracciare il tuo amico fumatore senza preoccuparti di essere esposto a più radiazioni ionizzanti del solito.

Se vuoi saperne di più sulle radiazioni di sigarette o le malattie associate al fumo, controlla i link disponibili nella descrizione del video.


FLU - Sintomi, trattamenti e vaccino

FLU - Sintomi, trattamenti e vaccino

L'influenza è una malattia infettiva causata da un tipo di virus chiamato influenza. Esistono 3 tipi di virus influenzale: A, B e C. L'influenza è una malattia altamente contagiosa che causa milioni di infezioni ogni anno in tutto il mondo. Di tanto in tanto, il virus dell'influenza può mutare, essendo responsabile delle principali epidemie influenzali, con l'influenza spagnola del 1918 o la recente influenza suina del 2009. I

(medicina)

BAKER CISTO - Cisti popliteo - Cause e trattamento

BAKER CISTO - Cisti popliteo - Cause e trattamento

La cisti di Baker, nota anche come cisti poplitea, è una piccola tasca di liquido che compare nella regione dietro il ginocchio, chiamata fossa poplitea. La cisti di Baker è una lesione benigna che si presenta come un nodulo visibile e palpabile sotto la pelle, che può causare dolore al ginocchio e difficoltà nel movimento di questa articolazione. Qu

(medicina)