METRONIDAZOL - Unguento, pillola e crema

METRONIDAZOL - Unguento, pillola e crema

Il metronidazolo, noto anche con il nome commerciale Flagyl, è un antibiotico ampiamente usato nel trattamento di infezioni causate da batteri anaerobici e alcuni protozoi. Il metronidazolo può essere usato per trattare da gravi infezioni gastrointestinali in pazienti ospedalizzati a infezioni vaginali relativamente semplici in donne sane.

Il metronidazolo può essere trovato sotto forma di compresse, crema o gel vaginale. Il benzoilmetronidazolo è un derivato del metronidazolo, con le stesse funzioni ed effetti, che si possono trovare anche nelle forme di compresse, creme o gel. La principale differenza tra metronidazolo e benzoilmetonazazolo è che è insolubile in acqua e può quindi essere commercializzata come sospensione orale (sciroppo).

Questo articolo propone di essere un volantino di metronidazolo rivolto al pubblico laico. Spieghiamo in modo accessibile i seguenti punti sul metronidazolo: quali sono i nomi, i nomi commerciali, le presentazioni disponibili sul mercato, come usarli, gli effetti collaterali, le controindicazioni e le interazioni chiave tra farmaci.

Nomi commerciali di metronidazolo

Il metronidazolo e il benzoilmetronidazolo sono medicinali già commercializzati in forma generica. Tra i nomi commerciali disponibili sul mercato, possiamo citarne alcuni:

  • flagyl
  • Helmizol
  • Neo Metrodazol
  • terconazole
  • Rozex

Il metronidazolo sotto forma di crema vaginale può essere commercializzato in associazione con la nistatina, un antimicotico che funziona contro la candidosi vaginale (vedi: TRATTAMENTO PER LA CANDIDOSI VAGINALE). Alcuni marchi disponibili sul mercato sono:

  • Colpistatin
  • Colpistar
  • Flagyl Nystatin
  • Kolpitrat

Presentazioni di metronidazolo

Le compresse di metronidazolo sono solitamente commercializzate a dosi di 250 mg, 400 mg o 500 mg.

Per l'applicazione vaginale, il metronidazolo può essere trovato in gel allo 0, 75% o 100 mg / g. C'è anche la forma crema con la stessa concentrazione. L'efficacia della crema e del gel è la stessa.

Oltre all'utilizzo vaginale, c'è anche un metronidazolo topico in crema o gel da applicare sulla pelle, indicato per il trattamento della rosacea.

Nella popolazione pediatrica, il metronidazolo nello sciroppo da 40 mg / ml è generalmente la forma preferita.

Il metronidazolo è anche disponibile per la somministrazione endovenosa, ma questa forma è limitata all'uso ospedaliero.

A cosa serve il metronidazolo?

Il metronidazolo ha azione contro i batteri anaerobici, contro l'ameba e alcuni protozoi. Tra le malattie che possono essere trattate con metronidazolo sono:

  • Tricomoniasi.
  • Vaginosi batterica
  • Rosacea.
  • Amebiasis.
  • Giardiasi.
  • Malattia infiammatoria pelvica
  • Polmonite per aspirazione.
  • Infezioni intra-addominali causate da batteri B acteroides spp, Clostridium spp, Prevotella spp, Porphyromonas spp, Fusobacterium spp o Bilophila wadsworthia
  • Infezioni con il batterio Helicobacter pylori.
  • Colite pseudomembranosa

Come usare il metronidazolo

Il dosaggio di metronidazolo dipende dalla malattia da trattare. Alcuni esempi:

  • Amebiasi: da 500 a 750 mg per via orale per 8/8 ore per 7-10 giorni.
  • Gardnerella: 500 mg per via orale 12/12 ore per 7 giorni o 1 applicazione intravaginale quotidiana di crema o gel allo 0, 75% per 5 giorni.
  • Tricomoniasi: 2000 mg (4 compresse da 500 mg) per via orale in una singola dose. Trattamento alternativo: 500 mg 12/12 ore per 7 giorni.
  • Giardiasi: da 250 a 500 mg per via orale per 8/8 ore per 5-10 giorni.
  • Diarrea da Clostridium difficile : 500 mg per via orale da 8 a 8 ore per 10-14 giorni (i casi gravi devono essere trattati in ambiente ospedaliero).
  • Rosacea: 2 applicazioni giornaliere nella pelle della crema o gel allo 0, 75%.

Effetti collaterali del metronidazolo

I principali effetti collaterali del metronidazolo sono solitamente correlati al tratto gastrointestinale. Nausea, anoressia, vomito, diarrea, crampi addominali e stitichezza sono stati associati all'uso di questo antibiotico. Un cattivo gusto metallico è anche spesso riportato da coloro che assumono metronidazolo.

I pazienti che assumono dosi più alte di metronidazolo possono avere effetti neurologici, come vertigini, mal di testa, irritabilità e insonnia.

Altri possibili effetti collaterali sono: oscuramento transitorio delle urine (colore marrone o rossastro), dolori articolari, mal di gola, rinite, prurito genitale, secchezza oculare e vaginite.

In relazione al metronidazolo usato per via intravaginale, il tasso di effetti collaterali è inferiore ed è solitamente limitato alla regione genitale, con la perdita vaginale come l'effetto avverso più comune. I sintomi gastrointestinali di solito compaiono in meno del 5% dei pazienti, una percentuale del 50% inferiore rispetto alle compresse.

Controindicazioni di metronidazolo

Fatta eccezione per i casi di allergia prima del metronidazolo, non ci sono altre controindicazioni assolute al suo utilizzo. Esistono alcune associazioni controindicate, come l'alcol e il disulfiram, che saranno spiegate nel prossimo argomento.

Il metronidazolo può essere utilizzato in gravidanza in determinate situazioni. È vietato solo nel primo trimestre di gravidanza (leggi: ANTIBIOTICI IN GRAVIDANZA - Sicuro o pericoloso?).

Poiché si tratta di un farmaco che può passare nel latte materno, si suggerisce di evitare il metronidazolo durante l'allattamento. Se non può essere evitato, l'ideale è che l'allattamento al seno debba essere interrotto per almeno 3 giorni dopo l'assunzione dell'ultima compressa.

Interazioni farmacologiche di metronidazolo

La cura principale che i pazienti che assumono metronidazolo deve avere riguarda il consumo di alcol. Nessun antibiotico deve essere miscelato con bevande alcoliche, ma nel caso del metronidazolo questa cura dovrebbe essere raddoppiata. L'associazione tra metronidazolo e alcol può causare una reazione simile al disulfiram, che consiste nell'insorgenza di sintomi quali palpitazioni, vampate di calore, arrossamento del viso, mancanza di respiro, malessere grave, nausea e vomito.

* Disulfiram è un farmaco usato nel trattamento dell'alcolismo. I pazienti che assumono disulfiram non possono bere perché le reazioni che si presentano sono molto forti.

La reazione di tipo disulfiram è più comune quando viene assunto metronidazolo orale, ma può anche verificarsi nel caso di applicazione vaginale. Si suggerisce che il paziente eviti le bevande alcoliche o qualsiasi altro alimento contenente alcool per almeno 72 ore dopo la fine del trattamento.

L'associazione del farmaco stesso con disulfiram con metronidazolo deve essere evitata.

L'associazione di metronidazolo con mebendazolo è spesso scoraggiata, poiché sembra esserci un maggior rischio di sindrome di Stevens-Johnson (vedi: SINDROME DI STEVENS-JOHNSON).

Il metronidazolo può causare livelli ematici elevati di ciclosporina, litio e warfarin (vedere: VARFARIN (Marevan, Varfine, Coumadin).


PEDICULOSI PUBBLICA (CHATO) - Sintomi, cause e trattamento

PEDICULOSI PUBBLICA (CHATO) - Sintomi, cause e trattamento

Articolo Punti chiave → Cos'è: la pediculosi pubica, popolarmente conosciuta come noiosa, è una malattia contagiosa causata dall'insetto parassita Phthirus pubis , chiamato anche pidocchi pubici. La pediculosi pubica è un'infezione simile a quella che si presenta sul cuoio capelluto quando viene infestata dai pidocchi. → T

(medicina)

POSITIONAL POSITIONAL BENIGN VERTICALE

POSITIONAL POSITIONAL BENIGN VERTICALE

La vertigine posizionale parossistica benigna (BPPV), detta anche vertigine posizionale o vertigine posturale, è la causa più comune di vertigini ed è caratterizzata da brevi episodi di vertigini scatenati, solitamente da movimenti della testa. Vertigine posizionale parossistica benigna deriva da problemi nell'orecchio interno, che è uno degli organi responsabili del nostro equilibrio. In

(medicina)