La sindrome della persona "playdough"

La sindrome della persona

La sindrome della "plastilina" colpisce molte più persone di quanto crediamo . Il grosso problema è che il loro modo di agire, socialmente, è ben visto.

Questi tipi di individui lasciano i loro desideri per rispondere a quelli degli altri. La conseguenza è che possono ammalarsi, perché smettono di prendersi cura di se stessi, pensando a loro stessi.

Leggi: Cosa possiamo fare per prenderci cura di noi stessi?

Una persona che modella l'argilla è molto utile . Hai bisogno di qualcuno che ti aiuti a muoverti? Vuoi che ti ascoltino? Ci sarà

Generosità che fa male

I soggetti che corrispondono a questa sindrome sono eccessivamente generosi . Non aspettano di ricevere, ma pensano solo a dare.

Tuttavia, questo è molto complicato. Non tutti sono ben intenzionati. E poi ci sono anche persone tossiche, quelli che cercano di manipolarti a volontà, quelli che mentono a te, quelli che assorbono tutta la tua energia ...

La generosità non è negativa, purché non sia non servire scusa per farti del male . Una situazione molto comune.

Prima di tutto, devi pensare a te stesso, anche se ti è stato insegnato a pensare che è considerato "egoismo".

Una volta che sappiamo come prenderci cura di noi stessi, possiamo aiutare gli altri. Mentre fissi i limiti in modo da non farci del male il più possibile.

La persona "playdough" è un servitore

Gli individui che soffrono di questa sindrome diventano servi di altri . Sono lì per loro. Non importa il tempo, l'ora o il luogo

Scopri: La necessità di essere accettati da altri

In questo modo, mancano di una totale assertività . Si adattano alle circostanze, alle richieste, alle richieste fatte a loro.

Non importa se si sentono male. Se dipendesse da loro, se fosse nelle loro mani, sarebbero disposti a risolvere i problemi degli altri, e persino a soffrire per loro.

Agendo come un servo, la persona che modellava l'argilla cercò di sviluppa una grande empatia e intuizione per anticipare le richieste degli altri .

Al contrario, se ha mai bisogno della compagnia o dell'aiuto di qualcuno, non la riceverà.

Le persone dedicate, che si donano agli altri, finiscono per essere usate, abusate, poco apprezzate.

Riconnettiti con il tuo "sé" interiore

Puoi smettere di essere una persona malleabile, ma per quello vai devi intraprendere un percorso molto difficile: connettersi con il tuo sé interiore.

Questo "tu" sincero che hai perso per strada, quello che hai messo da parte e che non hai ascoltato. A quello che devi seguire d'ora in poi.

Hai visto come la tua vita ha smesso di appartenere a te per essere quella degli altri . La tua felicità? Eri felice solo se gli altri lo erano, per te non potevi.

Ti sembra giusto?

Non perdere la lettura: 5 modi per connetterti con il tuo "me" per combattere il vuoto emotivo

Costantemente dipendente dagli altri, non facendo cose per se stessi ma per gli altri, essendo eccessivamente buono e generoso ... È positivo

Guarda dentro di te e trova quella persona che hai perso sulla strada . Questa persona che aveva sogni, desideri, obiettivi puliti, desideri ...

Non è scomparsa, la conoscevi. Guarda lì. Lei è dentro di te.

Quali sono i tuoi desideri?

Ti sei reso conto che dedicarti agli altri non ti renderà felice, che dare la priorità ai desideri degli altri non ti darà alcuna gioia ... Anche se pensi che non è vero, fondamentalmente ti fa male. Accetta.

Tutto questo ti porta a

È importante che, per uscire da questa sindrome, seguiamo questi suggerimenti:

  • Se ti viene richiesto un servizio, prenditi il ​​tuo tempo. Non dire "sì" in fretta, non è necessario. Aspetta, pensa e controlla se vuoi e puoi farlo
  • Vuoi dire "no"? E dì "no". Accetta tutto ciò che ci viene proposto non è positivo , e ancor meno se è qualcosa che va contro i nostri principi o valori o, semplicemente, che non vogliamo farlo.
  • Non sei egoista, ami te stesso e rispetti te stesso. Come, se no, potresti amare e rispettare gli altri?
  • Rinunciare alla colpa. Lei ti parlerà, ma non prenderla sul serio. La sensazione di colpa proverà a farti ritornare sui tuoi passi.
  • Abbi cura di te stesso, regalati bei momenti, tutto ciò che fai per gli altri, fallo per te . Tu sei la cosa più importante, la massima priorità. Se non ti interessa, chi lo farà?

Non andartene senza leggere: 7 persone tossiche devi andare via per essere felice.

Se hai scoperto la pasta da modellare che vive in tu, è il momento di aiutarla a uscire da quel buco in cui è caduta. Dovremmo tutti imparare a metterci al primo posto. Non sei egoista. Sei generoso con te stesso.


Tipi di famiglie tossiche e loro caratteristiche specifiche

Tipi di famiglie tossiche e loro caratteristiche specifiche

Le famiglie tossiche sono come piccole isole con una casa al centro, piena di conflitti , autorità, dinamiche disfunzionali che colpiscono tutti i suoi membri. Oggi, il termine "tossicità" "è un concetto in voga. Abbiamo sentito e usato espressioni come "la mia relazione è tossica" o "nel mio lavoro, ho un collega tossico".

(Sesso e relazioni)

La distanza impedisce abbracci, ma non i sentimenti

La distanza impedisce abbracci, ma non i sentimenti

La distanza tra due persone in amore è come un filo sottile che si estende tra due cuori . I sentimenti sono ancora presenti, ma ci sono una paura che alla fine chilometri rompere l'unione di questi due corpi erano così vicini prima. per tutta la vita, è normale che ci sia separati da quelli che ci sono cari, per qualsiasi motivo.

(Sesso e relazioni)