Grandi notizie: l'Africa dice no alle mutilazioni genitali femminili

Grandi notizie: l'Africa dice no alle mutilazioni genitali femminili

Questo è sicuramente il tipo di notizie che amiamo condividere con te. L'Africa ha detto "NO" alle mutilazioni genitali femminili.

Il Parlamento africano ha raggiunto un accordo ad agosto per vietare finalmente questa pratica rituale, tragica e discriminatoria.

È passato molto tempo da quando vi abbiamo spiegato che paesi come la Nigeria avevano preso l'iniziativa per regolare e continuare questa tradizione

Oggi, questo piccolo granello di sabbia è più grande e più pieno di speranza perché ha un supporto maggiore.

Siamo finalmente arrivati ​​ad un un accordo congiunto in cui il Parlamento africano, con sede in Sud Africa, ha impegnato a regolare, perseguire e porre fine a questo dramma che ora colpisce quasi 200 milioni di donne in tutto il mondo, secondo i dati dell'UNICEF.

In questo articolo ti forniremo tutti i dettagli ls.

Le mutilazioni genitali femminili, un dramma che ha fatto troppe vittime

Le mutilazioni genitali non è un problema che viene solo dall'Africa, tutt'altro. La rimozione del clitoride è presente anche in tutti i paesi musulmani del continente asiatico.

Anche le comunità curde, così come quelle provenienti dall'Afghanistan, dal Tagikistan, dalla Malesia e dall'Indonesia lo praticano. In questi paesi ci sono anche delle eccezioni più radicali.

Infibulazione, che comporta la rimozione del clitoride e delle grandi e piccole labbra

Scopri anche: L'esperienza sociale che ha allertato i pericoli che le ragazze affrontano sui social network

Sappiamo che questa è una battaglia che non è pronta per essere vinta. Sappiamo anche che questa fase che si svolge in Africa è per il momento solo un accordo di intenzione che deve ancora essere ratificato.

Perché oggi, abbiamo solo una proposizione

Tuttavia, come abbiamo detto, questo è un grande passo avanti di fronte a una piaga che ha colpito troppe vittime.

Questo non è un pratica rituale, si tratta di una violazione dei diritti umani

mutilazione genitale femminile è parte di ciò che è noto come iniziazione rituale ragazze per maturare o in età fertile.

  • si dice spesso che ha avuto origine nell'antico Egitto. Tuttavia, questa pratica anche diversi sfondi in Asia, Europa, Oceania e persino in America.
  • così, anche se oggi è strettamente legata al mondo musulmano, in passato, è stato anche praticato in nazioni animisti, musulmani, cristiani o ebrei.
  • In ogni caso, oggi continua ad esistere ed è un atto brutale che mira principalmente a privare le donne della loro sensibilità o le loro sensazioni di piacere.
  • La pratica dell'asportazione non è cambiata da . Il clitoride viene mutilato con vetro, coltelli o rasoi

Le misure igieniche non sono massime. Il pericolo di infezione è estremamente alto. Le perdite umane dovute a questa pratica sono troppo numerose.

Tutta questa realtà ci porta a una conclusione chiara. Questa non è una pratica rituale. È una violazione dei diritti umani. Si tratta di un atto incomprensibile e selvaggia quale milioni di bambine subiscono, e anche prima del loro quinto compleanno.

Un accordo e di speranza

Africa ha detto no alle mutilazioni femminili e tutti ha accolto con favore la notizia. Tuttavia, devi guardare i dettagli.

  • L'accordo è stato raggiunto dopo lunghi negoziati tra la Convenzione sull'eliminazione di tutte le forme di discriminazione contro le donne (CEDAW) e i gruppi sociali e politici del continente.
  • Potrebbero anche contare sul sostegno del Fondo delle Nazioni Unite per la popolazione (UNPF)
  • L'accordo che è stato trovato è un programma d'azione
  • I 250 deputati firmatari del Parlamento africano hanno l'obbligo di avviare i meccanismi formali di questo programma
  • Cerchiamo di creare canali di coordinamento con le autorità nazionali e locali. In questo modo, i servizi sanitari richiederanno a tutte le famiglie di rinunciare a scrivere la rimozione delle loro figlie.
  • Quasi il 90% di questa pratica è concentrata nei seguenti paesi: Egitto, Sudan, Eritrea, Gibuti, Etiopia e Somalia. Stiamo quindi aspettando un cambiamento di coscienza e una reale consapevolezza.

Scopri: Albinismo: l'esempio commovente della supermodella Thando Hopa

Una battaglia difficile che richiederà del tempo

L'obiettivo è raggiungere lo stesso successo che in Nigeria. Tuttavia, le autorità firmatarie sono consapevoli della difficoltà che rappresenta.

Alcuni paesi, come la Guinea, anche se hanno detto "no", continuano a praticare . E lo fa per una ragione molto concreta.

  • Gli uomini e le donne che credono che sia una pratica necessaria per essere accettati nelle loro comunità sono molto numerosi.
  • Tutto ciò costituisce una realtà sociale molto difficile da cambiare complesso come è.

Tuttavia, come ci dicono le organizzazioni umanitarie, il cambiamento di coscienza sta arrivando lentamente. Tanto che molti credono che in pochi decenni riusciremo finalmente a sradicare la mutilazione genitale femminile.

Spero che ciò accada!


Iniziare una relazione con una persona emotivamente ferita

Iniziare una relazione con una persona emotivamente ferita

Sei attratto da una persona emotivamente ferita, qualcuno che ha ancora il cuore spezzato ? Alcune persone tendono ad assumere un ruolo di salvatore o guaritore. Queste persone sono quindi attratte da persone che sentono il bisogno di essere salvate da qualcuno. I salvatori non sono a conoscenza del rischio che corrono nell'iniziare una relazione con qualcuno ferito emotivamente.

(Sesso e relazioni)

Sindrome della sedia vuota

Sindrome della sedia vuota

La sindrome della sedia vuota si riferisce al sentimento che appare di fronte alla perdita di una persona speciale per noi . Può essere un familiare, un amico, un fratello, una sorella, ecc. Possiamo confondere questo con la tristezza di perdere qualcuno, ma lo chiamiamo sindrome perché ha un'intensità particolare nei momenti in cui dovrebbe normalmente celebrare qualcosa con gioia ed eccitazione.

(Sesso e relazioni)