Sintomi di alta pressione sanguigna - ipertensione

Sintomi di alta pressione sanguigna - ipertensione

L'ipertensione, popolarmente conosciuta come ipertensione, è una delle malattie più comuni al mondo, che colpisce circa 1 persona su 5. In molti paesi, oltre la metà della popolazione con più di 60 anni è ipertesa.

In questo articolo ci concentreremo sui sintomi dell'ipertensione. Se stai cercando ulteriori informazioni sull'ipertensione, visita il nostro file di testo per l'ipertensione: Ipertensione

Cos'è la pressione sanguigna? Cos'è l'ipertensione?

Prima di seguire i sintomi dell'ipertensione arteriosa sistemica, una breve spiegazione per il lettore per comprendere i concetti di base.

La pressione sanguigna è la pressione che il sangue all'interno delle arterie esercita sulle tue pareti. La pressione sanguigna è pulsante, cioè aumenta con ogni battito cardiaco e si riduce quando si rilassa. Systole è il nome dato alla contrazione del muscolo cardiaco, quindi la pressione sistolica è la pressione del sangue durante ogni battito cardiaco. La diastole è il breve momento di rilassamento del cuore tra ogni battito. Pertanto, la pressione diastolica è la pressione del sangue durante la fase in cui il muscolo cardiaco è rilassato.

La pressione sanguigna viene misurata in questi due momenti, quindi viene sempre descritta con due valori, noti come pressione massima e pressione minima. Infatti, come abbiamo appena visto, il nome corretto è la pressione sistolica e la pressione diastolica. Pertanto, una pressione di 110/70 mmHg * significa una pressione sistolica di 110 mmHg e una pressione diastolica di 70 mmHg.

* mmHg è l'acronimo di millimetri di mercurio, che è l'unità standard per misurare la pressione sanguigna.

I valori della pressione sanguigna sono classificati come segue:

  • Pressione arteriosa normale : valori inferiori o uguali a 120/80 mmHg.
  • Pre-ipertensione : valori compresi tra 121/80 - 129/80 mmHg.
  • Ipertensione di grado I : valori compresi tra 130/80 - 139/89 mmHg.
  • Ipertensione di II grado : valori maggiori o uguali a 140/90 mmHg.

Il nostro corpo è stato modellato per funzionare con pressioni arteriose intorno a 120/80 mmHg. Quando le nostre navi e gli organi sono esposti ad un aumento cronico della pressione sanguigna, cioè l'ipertensione, c'è un alto rischio di lesioni a loro, specialmente nel cervello, nel cuore, nei reni e negli occhi.

Guarda anche questo breve video che spiega cos'è l'ipertensione:

.

Sintomi di alta pressione sanguigna

L'ipertensione è una malattia molto pericolosa perché ha una caratteristica: non provoca sintomi nella stragrande maggioranza dei casi. Non c'è da stupirsi che si chiami "il killer silenzioso".

Il semplice fatto che la pressione all'interno delle arterie aumenti non è sufficiente a causare sintomi. I sintomi dell'ipertensione appaiono solo tardi, dopo che alcuni organi sono già gravemente feriti. Infatti, in questi casi, non sono i segni o i sintomi di ipertensione che sentiamo, ma piuttosto i segni e i sintomi delle conseguenze di anni e anni di ipertensione inadeguatamente trattata, come i sintomi di insufficienza cardiaca, ictus o insufficienza renale .

Pertanto, tutte le persone dovrebbero far controllare la pressione sanguigna almeno una volta ogni due anni. Se non cerchi mai di sapere quando la tua pressione sanguigna è accesa perché pensi che alcuni sintomi ti avvertano del problema, sappi che potresti essere in questo momento con la pressione alta, che subisce un danno agli organi vitali.

Rafforzare il concetto più importante di questo testo: se non si misura la pressione sanguigna è IMPOSSIBILE sapere se è normale o alta.

Miti sui sintomi dell'ipertensione

Sfortunatamente alcuni miti sull'ipertensione sono così infusi tra la popolazione che persino la parola del dottore non può convincere altrimenti il ​​paziente. È incredibile quante persone giuri a riconoscere quando la tua pressione sanguigna è alta. Analizziamo alcuni di questi miti:

Sono i sintomi di mal di testa o dolore al collo di ipertensione?

Questo potrebbe essere il più grande mito sull'ipertensione. È estremamente comune per un paziente riferire un mal di testa a un aumento della pressione sanguigna. Andiamo ai fatti.

Ogni paziente con dolore, specialmente se ha un'intensità elevata, ha una pressione sanguigna superiore ai valori usuali, che si tratti di cefalea, mal di pancia o dolore al dito. Pertanto, è ovvio che il paziente noterà sempre che la sua pressione è alta ogni volta che ha un forte mal di testa. Il problema qui è di confondere la causa con l'effetto.

La pressione arteriosa può essere giudicata colpevole di cefalea solo quando raggiunge livelli molto alti, di solito superiori a 200 mmHg di pressione sistolica e / o 110 di pressione diastolica.Pazienti con picco ipertensivo, cioè, improvvisi aumenti di pressione, ben al di sopra del solito, sono generalmente quelli in cui è accettabile associare un mal di testa con una pressione sanguigna incontrollata.

Ecco un altro avvertimento, se il paziente ha un'ipertensione di grado II scarsamente controllata per mesi, non può sentire nulla anche con valori esorbitanti come 220-240 mmHg di pressione sistolica.

  • Conclusione: mal di testa o dolore al collo non sono sintomi affidabili di alta pressione sanguigna.

Il nervosismo e l'ansia sono sintomi di ipertensione?

Un'altra associazione molto comune è tra attacchi di ansia e ipertensione. La logica è la stessa del mal di testa. È ovvio che ogni persona nervosa avrà la pressione sanguigna più alta. Ma è l'ansia che aumenta la pressione e non l'alta pressione che causa un'ansia. Quella storia: "il piccolo ragazzo è stato molto nervoso ultimamente. Questo deve essere alta pressione, "non ha basi scientifiche.

Ma ancora una volta, la crisi ipertensiva è un'eccezione. In alcuni casi, specialmente in pazienti con un cuore debole, un picco ipertensivo improvviso e grave (pressioni superiori a 200 mmHg di sistolica) può causare uno sforzo maggiore al cuore, portando a sintomi di affaticamento e mancanza di respiro, che possono causare ansia nelle persone più sensibili.

  • Conclusione: nervosismo e ansia non sono sintomi affidabili di ipertensione.

Il sanguinamento nasale è un segno di ipertensione?

Il sanguinamento nasale è un altro sintomo spesso associato all'ipertensione, ma si verifica anche in casi selezionati. Ci sono studi che dimostrano che solo il 15% dei pazienti che cercano un'emergenza a causa della mancanza di controllo della pressione arteriosa presentano sanguinamento nasale. Cioè, l'85% dei pazienti, anche con crisi ipertensive, non sanguina dal naso.

Esistono dozzine di cause di emorragia nasale, quindi prima di incolpare l'ipertensione, se il naso sanguina frequentemente, consultare un otorinolaringoiatra perché potrebbe esserci un'altra causa per questo problema.

  • Conclusione: il sanguinamento nasale non è un sintomo affidabile di alta pressione sanguigna.

Vertigini è un sintomo di ipertensione?

Le capogiri non sono un sintomo comune di ipertensione. Infatti, i pazienti ipertesi già sottoposti a trattamento spesso hanno capogiri non come sintomo di pressione elevata, ma come effetto collaterale dei farmaci, specialmente quando la pressione scende troppo rapidamente.

Se la pressione sale troppo e improvvisamente, e qui stiamo parlando di valori superiori a 200-220 mmHg di pressione sistolica, è possibile che il paziente riferisca un certo grado di vertigini o vertigini. È importante notare che i picchi di ipertensione possono verificarsi nelle immagini di ictus (vedi: 7 SINTOMI DELL'AVC) e le vertigini sono un sintomo comune di questa complicanza.

  • Conclusione: vertigini non è un sintomo affidabile di alta pressione sanguigna.

Ondate di calore e arrossamento del viso sono sintomi di ipertensione?

L'aumento della pressione sanguigna non causa calore o rende il viso più rosso.

Flushing e calore facciale si verificano quando i vasi sanguigni si dilatano sul viso. Questa immagine può derivare da una varietà di fattori, come l'esposizione al sole, il caldo, il freddo, i cibi piccanti, il forte vento, le bevande calde, le reazioni ai prodotti della pelle, lo stress emotivo, il consumo di alcol o l'esercizio fisico, che possono causare cambiamenti di pressione del sangue temporaneamente.

  • Conclusione: il calore e il rossore del viso non sono sintomi affidabili di ipertensione.

Considerazioni finali

Quello che volevamo trasmettere in questo articolo è la nozione che, in più del 90% dei casi, l'ipertensione è una malattia silenziosa, che può essere presente per anni senza causare nemmeno un sintomo.
Quando si manifestano i sintomi, sono solitamente correlati a crisi ipertensive, con aumenti significativi e improvvisi della pressione sanguigna, che non sono frequenti nella maggior parte dei pazienti ipertesi.

Quindi se non hai misurato la pressione sanguigna di recente, è impossibile stimarne il valore. E se non si misura la pressione sanguigna di volta in volta, si può essere affetti da lesioni di organi nobili, che porteranno in futuro a malattie gravi.


ALCOOL IN GRAVIDANZA - Qual è il limite consentito?

ALCOOL IN GRAVIDANZA - Qual è il limite consentito?

Quanto alcool può bere una donna incinta durante la gravidanza considerata sicura per il feto? Anche se la domanda di cui sopra è abbastanza semplice, la tua risposta non potrebbe essere più difficile. Se sei incinta e decidi di andare online per scoprire se puoi consumare un bicchiere di vino alla tua cena di compleanno, probabilmente dovresti essere più confuso che illuminato. Se

(medicina)

MALATTIA DI MÉNIÈRE: cause, sintomi e trattamento

MALATTIA DI MÉNIÈRE: cause, sintomi e trattamento

La malattia di Ménière, chiamata anche idrope endolinfatica, è un disturbo dell'orecchio interno che provoca episodi di vertigini, perdita dell'udito progressiva e ronzio nell'orecchio. Gli individui nella fascia di età 40-50 sono i più colpiti, ma la malattia di Ménière può verificarsi a qualsiasi età, anche nei bambini. Sebbene

(medicina)