HERPES LABIAL - Trasmissione, sintomi e trattamento

HERPES LABIAL - Trasmissione, sintomi e trattamento

L'herpes labiale è una malattia contagiosa causata dal virus herpes simplex di tipo 1 (HSV-1). I pazienti infetti dal virus dell'herpes simplex di tipo 1 di solito hanno piaghe dolorose sulle labbra, ma l'infezione può colpire anche la gengiva, la faringe, la lingua, il tetto della bocca, all'interno delle guance e talvolta la faccia al collo.

Il virus dell'herpes simplex di tipo 1 può anche causare lesioni nei genitali, trasmesse attraverso la pratica del sesso orale. Tuttavia, l'herpes genitale è più comunemente causato dal virus dell'herpes simplex di tipo 2 (HSV-2), che è più facilmente moltiplicato nella cute della regione genitale rispetto alla cavità orale.

In generale, l'80% dei casi di herpes labiale è causato dal virus dell'herpes simplex di tipo 1 e il 20% dal virus dell'herpes simplex di tipo 2. L'opposto si verifica con l'herpes genitale, dove il virus dell'herpes simplex di tipo 1 causa solo il 20% delle infezioni 80% del virus herpes simplex di tipo 2.

In questo testo parleremo esclusivamente di HSV-1 e tratteremo i seguenti punti sull'herpes labiale:

  • Trasmissione.
  • Sintomi.
  • Diagnosi.
  • Trattamento.
  • Prevenzione.

Per informazioni sull'herpes genitale (HSV-2), leggi:

- HERPES GENITALI - Sintomi e trattamento
- FEGATO E ERBE GENITALI - Sintomi e trattamento

Trasmissione di herpes labiale

Il virus dell'herpes simplex causa solo malattie nell'uomo. La sua trasmissione avviene per contatto tra le persone, attraverso la saliva, pervinca, pelle o labbra del paziente infetto. Quando sono visibili lesioni da herpes, la quantità di virus nella cavità orale aumenta di circa 1000 volte, il che rende molto più probabile la trasmissione in questa fase.

Tuttavia, non è solo durante i raffreddori che possono essere trasmesse le ferite fredde. Di tanto in tanto il virus appare nella saliva, mantenendo il paziente contagioso per alcuni giorni, anche quando non vi è alcuna lesione attiva di herpes. Se selezioniamo casualmente 100 persone con il virus herpes simplex di tipo 1, al momento asintomatico, possiamo trovare il virus nelle secrezioni orali di un massimo di 15 di loro.

Ci sono diverse forme di trasmissione di herpes labiale, negli adulti più comuni sono attraverso baci o posate e tazze contaminate. Tuttavia, la maggior parte delle persone viene infettata dal virus dell'herpes simplex di tipo 1 ancora nell'infanzia, quando il contatto con le secrezioni orali è molto comune.

Sintomi di herpes labiale

Il periodo di incubazione per l'herpes labiale varia da 2 a 26 giorni, ma nella maggior parte dei casi le lesioni compaiono da 4 a 6 giorni dopo la contaminazione. Tuttavia, vale la pena notare che la maggior parte dei pazienti non sviluppa sintomi dopo l'infezione da virus herpes simplex di tipo 1. Infatti, solo il 20% delle persone sviluppa la malattia. L'altro 80% rimane con il virus "addormentato" nel corpo per diversi anni.

Infezione primaria con virus herpes simplex tipo 1

In circa il 20% degli individui che sviluppano sintomi di herpes labiale, la prima volta che si presentano le lesioni, chiamata infezione primaria, è solitamente quella con i sintomi più gravi. Il paziente può manifestare febbre, malessere, perdita di appetito, mal di gola e ingrossamento dei linfonodi nel collo. Nei bambini, la gengivite (infiammazione della gengiva) è comune, mentre nell'adulto una faringite forte con pus e ulcere nella faringe e nelle tonsille è il sintomo più comune di infezione primaria con il virus dell'herpes simplex di tipo 1. L'immagine di solito dura fino a 2 settimane e scompare spontaneamente.

Le tipiche lesioni da herpes sulle labbra potrebbero non apparire nell'infezione primaria. Quando appaiono, sono molto dolorosi.

La cavità orale è il sito più colpito dal virus dell'herpes simplex di tipo 1, tuttavia, dozzine di altre parti del corpo possono presentare l'infezione, incluse le mani, le braccia, il collo, i genitali e gli occhi. L'herpes può colpire anche organi come il cervello (encefalite erpetica), fegato (epatite erpetica), polmoni (polmonite erpetica) ed esofago (esofagite erpetica). Queste lesioni d'organo sono spesso gravi e sono più comuni nei pazienti con un certo grado di immunosoppressione come portatori di HIV, pazienti trapiantati o pazienti sottoposti a chemioterapia o farmaci immunosoppressivi

Ferite fredde

Una volta che l'infezione primaria è scomparsa, il virus dell'herpes simplex di tipo 1 non muore, rimane vivo nel nostro corpo, addormentato nelle cellule dei nostri nervi, in attesa che un basso sistema immunitario si riattacchi.

Le tipiche lesioni dell'herpes labiale compaiono nella riattivazione del virus. L'immagine è molto più mite rispetto all'infezione primaria e di solito dura per un massimo di 7 giorni. I sintomi intensi dell'infezione primaria come febbre e malessere non sono comuni.

Da 6 a 48 ore prima dell'apparizione delle lesioni labiali, il paziente può iniziare a ricevere segni di insorgenza di herpes labiale. Di solito questo avvertimento si presenta sotto forma di formicolio, dolore o prurito sulle labbra.

Le lesioni dell'herpes simplex appaiono inizialmente come piccole elevazioni rossastre e dolorose che si trasformano rapidamente in bolle raggruppate. Queste bolle hanno visto piccole pustole (vesciche con pus all'interno) e scoppiano, trasformandosi in ulcere. L'ulcerazione è l'ultimo stadio della lesione attiva, che guarisce in pochi giorni, sotto forma di croste.

Per conoscere le differenze tra herpes labiale e afte, leggi: Differenze tra il mal di freddo e l'herpes labiale.

Come già detto sopra, molti pazienti non presentano l'infezione primaria con l'herpes. Questo non significa che il virus non sia vivo nelle cellule nervose. Se il paziente presenta una diminuzione dell'immunità e ciò può verificarsi, ad esempio, durante i periodi di stress, l'herpes labiale può comparire per la prima volta solo a distanza di anni dall'infezione. Quando il paziente non presenta l'infezione primaria, è quasi impossibile determinare la data in cui l'infezione è stata contaminata.

Herpes labiale può avere più recidive per un anno o solo uno o due per tutta la vita. Questa frequenza è determinata da diversi fattori, tra cui la competenza del sistema immunitario del paziente e il tipo di vita che richiede. Con il passare degli anni, le recidive si indeboliscono sempre più.

Per vedere più immagini di herpes labiale a diversi stadi di evoluzione, accedere al seguente link: FOTO DI HERPES LABIAL.

Diagnosi di herpes labiale

La diagnosi di herpes labiale è spesso fatta solo con dati clinici, esaminando le lesioni e valutando i sintomi. In caso di dubbio, un campione di lesioni può essere raccolto per la valutazione di laboratorio. La fase della bolla è quella con la maggiore presenza del virus, essendo la più indicata per la raccolta del materiale.

La sierologia e la PCR (rilevazione del DNA del virus) possono anche essere utilizzate per diagnosticare e distinguere le infezioni da herpes simplex di tipo 1 e di tipo 2.

Trattamento mal di freddo

Ogni volta che parliamo di curare l'herpes labiale con pazienti infetti, sorge una domanda: il mal di freddo ha una cura? Sfortunatamente, la risposta è no, l'herpes non ha cura. Esiste un trattamento, ma ha lo scopo di ridurre i sintomi, accelerare la guarigione e prevenire le complicanze. Non esiste un rimedio per curare l'herpes labiale. Sfuggi ai trattamenti che promettono la cura dell'herpes, perché non esiste uno studio scientifico in letteratura che dimostri che è possibile curare l'herpes labiale con qualsiasi tipo di trattamento (leggi: HERPES LABIAL TEM CURA?).

Nell'infezione primaria, se il trattamento con compresse antivirali (aciclovir, valaciclovir o fanciclovir) viene iniziato entro le prime 72 ore, vi è una significativa riduzione della durata della malattia e della gravità dei sintomi (vedere: INFORMAZIONI su ACVILOVIR (ZOVIRAX)).

Nel riattivare le herpes labiali, il trattamento dipenderà dalla frequenza delle recidive e dall'intensità dei sintomi. I pazienti con crisi rare e scarsamente sintomatiche possono non richiedere alcun trattamento, al massimo un unguento anestetico per ridurre il dolore.

I pazienti con recidive più frequenti, specialmente quelli con segni premonitori pre-lesione, possono trarre beneficio dall'uso precoce di antivirali. In generale, i migliori risultati si ottengono con i farmaci orali, iniziati il ​​prima possibile dopo i primi sintomi. I famosi unguenti di aciclovir sono meno efficaci rispetto all'uso orale antivirale. L'aciclovir deve essere assunto per cinque giorni, mentre i nuovi antivirali come il valaciclovir o il fanciclovir sono efficaci con un solo giorno di trattamento.

Se il paziente ha più di 4 riattivazioni all'anno, o di solito sviluppa lesioni estese, dolorose ed esteticamente scomode, l'uso quotidiano di antivirali per un lungo periodo di tempo può essere un'opzione. Gli studi dimostrano che l'aciclovir o il valaciclovir possono essere tranquillamente usati in modo continuo per più di un anno.

Prevenzione dell'herpes labiale

Non esiste un vaccino contro l'herpes, quindi la prevenzione dovrebbe essere basata sulle situazioni che normalmente scatenano le convulsioni.

L'innesco più comune per la riattivazione di herpes labiale è di solito l'esposizione al sole intenso. I pazienti con una storia di herpes dovrebbero evitare di passare ore al sole. L'uso della protezione solare è essenziale e aiuta a ridurre l'aspetto delle lesioni (leggi: PROTEGGERE IL SOLARE | Proteggere te stesso dal sole). L'uso dello scudo sembra essere più efficace dell'unguento aciclovir nel prevenire le recidive dolorose indotte dal sole.

La lisina, commercializzata dal Brasile nel 2015 sotto il nome Resist, sembra avere un qualche effetto nella prevenzione delle crisi, contribuendo a ridurre il numero di episodi durante l'anno.


ANALISI - Verme di sushi - sintomi e trattamento

ANALISI - Verme di sushi - sintomi e trattamento

L'anisakiasi è il nome di un parassita intestinale causato dai vermi delle specie Anisakis , che di solito vengono acquisite dopo aver mangiato pesce o pesce crudo. L'anisaquiasi è ancora una malattia rara ma, a causa della crescente diffusione di piatti a base di pesce crudo o poco cotto, come sushi, salmone carpacci, salmone affumicato o ceviches, è diventata sempre più descritta. In

(medicina)

HELICOBACTER PYLORI - cause, sintomi e trattamento

HELICOBACTER PYLORI - cause, sintomi e trattamento

Helicobacter pylori , meglio noto come H.pylori , è un batterio che vive nel nostro stomaco e nel duodeno, rappresentando l'infezione batterica cronica più comune negli esseri umani. H. pylori è stato riconosciuto in tutte le popolazioni del mondo e in individui di tutte le età. Stime prudenti suggeriscono che un altro 50% della popolazione mondiale ha lo stomaco colonizzato da questo batterio. In

(medicina)