Migliaia di persone sono depresse senza saperlo: è questo il tuo caso?

Migliaia di persone sono depresse senza saperlo: è questo il tuo caso?

Questo può sicuramente sembrare contraddittorio: ci sono persone profondamente depresse che non sono consapevoli della loro realtà interiore.

Non lo fanno non percepire il peso delle loro emozioni negative o di questa contraddizione psicologica che turbina nel nodo della loro mente.

Tuttavia, è ovvio che consultano molti dei loro psicologi o medici curanti quando devono trattare i sintomi secondari.

Dolori muscolari, malumore, rabbia, odio verso se stessi, sbalzi d'umore o disprezzo per tutto ciò che li circonda sono sintomi di depressione.

Persone sento che qualcosa sta succedendo, che la vita sembra stonare e strana, che tutto scorre nella direzione opposta a quella che si aspettano.

Tuttavia, continuano ad andare avanti. Lo fanno perché sono dotati di meccanismi di difesa con cui si adattano volenti o nolenti.

È in questo modo che zittiamo le nostre emozioni, che inghiottiamo la nostra amarezza, che dissolviamo il nostro stress con il l'ansia. E l'ansia, a sua volta, porta a molti dolori psicosomatici.

Questo potrebbe sorprenderti ma è un dato di fatto: esiste la depressione nascosta e migliaia di persone soffrono in silenzio senza saperlo.

In questo articolo, spiegheremo quali sono le caratteristiche principali di questa complessa situazione

Le persone depresse sviluppano la loro vulnerabilità e la loro cattiva salute lentamente e progressivamente

Una gran parte delle depressioni non hanno innesco puntuale e obiettivo, come perdita, rottura emotiva o dover affrontare una situazione di disoccupazione

  • Il più difficile è che le persone più depresse sono quelle che, a prima vista, hanno quasi "tutto" per essere felici: una famiglia, un tetto, un lavoro ...
  • Gli psicologi ci dicono spesso che i sentimenti depressivi crescono come erbacce in un bellissimo giardino: arriva un giorno in cui Coprire tutto con i loro fitti cespugli, spine e arbusti.
  • È una miscela sottile dove mescola insoddisfazione, letargia emotiva, la sensazione di perdere il controllo sulle nostre vite. Ci rendiamo conto che non facciamo nulla che ci piace perché gli obblighi ci superano un giorno, poi un altro e indefinitamente.

Quasi senza rendercene conto, abbiamo così normalizzato queste sensazioni negative che sono diventate quotidiano e previsto. Quindi smettiamo di reagire a loro.

Ecco da dove viene il problema ...

Leggi anche: Vuoto emotivo: cosa manca e non puoi spiegare

Non associamo necessariamente questi sintomi alla depressione

Andiamo alle cliniche di base perché siamo sfiniti, senza energia.

Il dottore, come al solito, ci dà un analisi del sangue e dopo i risultati, ci dice che non abbiamo nulla, quello è sufficiente migliorare la propria dieta, riposare e prendere le vitamine.

  • Dopo alcuni mesi, torniamo perché abbiamo una brutta schiena. Il medico, quindi, consiglia di consultare un fisioterapista.
  • Ma chiediamo rapidamente un nuovo appuntamento perché soffriamo di insonnia e nervosismo. Ecco quando ci vengono prescritte le benzodiazepine.
  • Infine, e di fronte al consiglio di interrompere il trattamento di questi farmaci psicotropi per evitare la dipendenza, il dottore ci manda da uno psichiatra che farà la diagnosi definitiva: depressione.

È molto probabile che per raggiungere 'alla diagnosi definitiva e sicura, ci vuole in media tra 1 e 2 anni, senza che la persona sappia veramente cosa gli succede

Una realtà molto complessa a cui dovremmo prestare più attenzione.

Leggi anche : 6 infusi naturali per trattare i sintomi della menopausa

Le persone depresse non accettano la loro condizione

La parola depressione è spaventosa. Ciò che genera soprattutto è il rifiuto, anche dal sofferente alla società e all'ambiente.

  • Siamo in un mondo che continua a pensare che "Le persone depresse sono tristi e non è niente diverso da un atteggiamento debole e disfattista perché non sanno come affrontare le cose in modo diverso. "
  • Quindi, pensare è un errore. La depressione, in qualsiasi sua forma, è una malattia che deve essere trattata in modo multidisciplinare, cioè con farmaci, psicoterapia e un buon sostegno sociale.
  • Tuttavia, quando una persona riceve la sua diagnosi, sente che il mondo si ferma e tutto cambia.
  • Accettare il vero problema lo costringe ad affrontare i suoi demoni interiori, i suoi vuoti, questo tessuto spezzato del cuore e mettere di ordine in questa mente ossessionata dall'occultamento delle emozioni
    Non deve essere fatto come se nulla fosse sbagliato per continuare ad essere "funzionale".

Accettare la depressione non è facile per nessuno. Ma arriverà un momento in cui diventa impossibile andare avanti.

Leggi anche: Depressione atipica: sintomi del disturbo diagnostico più complesso

Come riconoscere che uno soffre di depressione?

Gli psicologi hanno punti chiave che li guidano a fare una possibile diagnosi

I seguenti sono i segni principali:

  • Insonnia
  • Apatia
  • Variazioni d'umore costanti
  • Mancanza di difesa, la sensazione che, qualunque cosa tu faccia, niente sarà fatto bene
  • La sensazione che non puoi controllare nulla.

Questi sono, senza dubbio, i fattori più ricorrenti . Ci sono altri problemi più gravi che potrebbero non passare inosservati al paziente, come l'autolesionismo o pensieri suicidi.

Diciamo identifichiamo questi fattori il prima possibile e chiedere aiuto

Immagine principale di © wikiHow.com


Cos'è la sindrome di Cotard?

Cos'è la sindrome di Cotard?

La sindrome di Cotard è un disturbo mentale che induce la persona affetta a pensare che sia morta: la persona nega completamente la sua esistenza. Questa illusione è anche nota come "delirio nichilistico" o "delirio di negazione". Questo disturbo è insolito, ma alcuni casi sono stati registrati. Le persone che soffrono di questa sindrome negano l'esistenza del loro corpo in un modo generale.

(Cura)

5 Raccomandazioni per controllare l'ansia

5 Raccomandazioni per controllare l'ansia

L'ansia è necessaria: È un meccanismo di controllo di fronte a una situazione che generalmente rappresenta un pericolo o una minaccia . Il corpo fa manifestare l'ansia per permettere al corpo di anticipare e reagire nel miglior modo possibile a una situazione particolare. Tuttavia, succede che questa funzione del il corpo si trasforma: l'ansia cessa di essere un semplice meccanismo di attenzione e diventa una sofferenza legata alle emozioni e alla mente.

(Cura)