TRICHURIASE - Trasmissione, sintomi e trattamento

TRICHURIASE - Trasmissione, sintomi e trattamento

La trichuriasi è un parassita causato dal parassita Trichuris trichiura, un nematode di circa 4 cm di lunghezza che si trova nell'intestino crasso degli individui infetti.

L'infezione da T. trichiura è solitamente asintomatica nella maggior parte degli individui, ma può causare diarrea cronica in pazienti infetti da centinaia di parassiti.

Ciò che è tricuríase

La trichuriasi è un parassita molto comune nei paesi sottosviluppati, dove le condizioni igienico-sanitarie di base sono precarie.

Trichuris trichiura è un parassita che non si adatta bene ai luoghi aridi o molto freddi, quindi le regioni tropicali, dove il clima è umido e caldo, sono quelle che presentano il maggior numero di casi di questo verminoso.

In tutto il mondo, si stima che più di 1 miliardo di persone siano infettate da questo parassita, la maggior parte senza alcun sintomo.

Poiché Trichuris trichiura vive in ambienti con caratteristiche simili al parassita Ascaris lumbricoides, è molto comune la co-infezione da entrambi i nematodi. Il trichura è un verme morfologicamente simile ai lumbricoides di Ascaris, ma è molto più piccolo, misurando, in media, circa 4 cm contro i soliti 30 cm degli ascaridi (Ascaridiasis Ascaris lumbricoides).

Trasmissione di Trichuris trichiura

La trichuriasi è una malattia della trasmissione oro-fecale. Un individuo è contaminato da Trichuris trichiura quando ingerisce accidentalmente uova del parassita contenuto nel cibo, nell'acqua o nel terreno.

Il ciclo di vita di Trichuris trichiura può essere riassunto come segue: un individuo infetto rilascia migliaia di uova dal parassita ad ogni evacuazione. Se le feci vengono a contatto con il terreno, le uova trovano un posto adatto per maturare. Dopo circa 2 o 3 settimane, le uova conterranno un embrione del verme in grado di infettare coloro che lo consumano.

L'ingestione di uova che sono state recentemente eliminate nelle feci non è in grado di contaminare altre persone perché l'embrione al loro interno richiede questo tempo di 2 settimane di maturazione nel terreno per essere in grado di completare il suo ciclo di vita.

In ambienti umidi con scarsa esposizione diretta al sole, le uova Trichuris trichiura possono rimanere vitali per diversi mesi. D'altra parte, in luoghi asciutti, molto caldi o con esposizione diretta al sole, l'uovo soffre di disidratazione e l'embrione al suo interno muore rapidamente.

Le due forme più comuni di contaminazione sono attraverso il contatto con le mani con le mani che hanno manipolato il suolo infetto o mangiando cibo piantato su terreno fertilizzato con feci umane.

Una volta ingerite, le uova del parassita sono in grado di passare attraverso lo stomaco illesi e si schiudono dopo aver raggiunto l'intestino tenue, liberando le larve del verme. Dopo circa 3 mesi, le larve diventano vermi adulti e migrano verso l'intestino crasso, dove abitano permanentemente. Nell'intestino crasso, Trichuris trichiura può vivere fino a 5 anni. La femmina del parassita è in grado di mettere più di 20 mila uova al giorno, che saranno eliminate dalle feci, iniziando un nuovo ciclo.

I sintomi della trichuriasi

La stragrande maggioranza dei pazienti infetti da Trichuris trichiura non ha sintomi.

In generale, solo le persone con l'intestino infestato da centinaia di parassiti stanno sviluppando sintomi di trichuriasi. In questi casi, il quadro clinico più comune è la diarrea cronica, che può o non può essere accompagnata da muco o sangue mescolato con le feci. Distensione addominale, nausea, perdita di peso, flatulenza e anemia sono altri possibili segni e sintomi. Un segno fisico comune è il clubbing digitale, che è un ingrandimento delle punte delle dita e delle unghie.

Un altro segno tipico, solitamente presente nei bambini con massiccia contaminazione, è il prolasso rettale, una protrusione di parte del retto attraverso l'ano. In questi casi, è comune vedere i vermi aderire alla mucosa del retto che è esternalizzata.

Diagnosi di trichuriasi

La diagnosi di trichuriasi viene di solito effettuata mediante l'esame parassitologico delle feci, in cui è possibile identificare la presenza di uova di Trichuris trichiura (leggi: ESAME PARASITOLOGICO DI FEZIE).

In alcuni casi, la diagnosi può essere fatta durante una colonscopia, perché i vermi si trovano facilmente attaccati alla mucosa dell'intestino crasso.

Trattamento di trichuriasi

Le opzioni di trattamento per trichuriasi sono:

  • Mebendazole 100 mg due volte al giorno per 3 giorni.
  • Albendazolo 400 mg una volta al giorno per 3 giorni (leggi: LAMPADINA SEMPLIFICATA ALBENDAZOL).
  • Nitazoxanide, 500 mg bid per 3 giorni, per via orale (leggi: ANNITA - NITAZOXANIDE - Dosaggio, indicazioni ed effetti avversi).

Nei pazienti con infezione massiva, il trattamento può essere prolungato per 5-7 giorni. Il tasso di guarigione con questi schemi è solitamente superiore al 90%.

Tre o quattro settimane dopo il trattamento, il medico può richiedere un nuovo test delle feci parassitologiche per confermare la cura. Se le uova sono ancora presenti, si suggerisce di ripetere il trattamento.

L'uso di albendazolo o mebendazolo in donne in gravidanza deve essere evitato. Nelle donne in gravidanza, il trattamento viene posticipato fino a dopo il parto per ridurre il rischio di tossicità per il feto.


CHE COSA È TRIPOFOBIA - LA PAURA DEI FORI

CHE COSA È TRIPOFOBIA - LA PAURA DEI FORI

Tripofobia, che letteralmente significa "paura dei buchi", è il nome che diamo a una condizione che fa sì che certe persone provino disgusto o disagio quando vengono esposte a immagini che creano pattern di fori o sporgenze, come nella foto sopra. Sebbene sia molto popolare su Internet, la tripofobia non è una malattia, tanto meno una vera fobia. Q

(medicina)

FOTO DI HERPES LABIAL

FOTO DI HERPES LABIAL

L'herpes labiale è una malattia contagiosa causata dal virus herpes simplex di tipo 1 (HSV-1). I pazienti con virus herpes simplex di tipo 1 di solito hanno piaghe dolorose sulle labbra, che iniziano come piccole vescicole (vescicole) e poi scoppiano in croste, che possono apparire rossastre o giallastre.

(medicina)