IPERIDROSI (sudorazione in eccesso) - cause, sintomi e trattamento

IPERIDROSI (sudorazione in eccesso) - cause, sintomi e trattamento

L'iperidrosi è uno stato in cui il corpo produce un volume di sudore sproporzionato rispetto ai bisogni fisiologici per la regolazione della temperatura corporea, cioè il paziente traspira in modo eccessivo e senza ragione.

L'iperidrosi è di solito una condizione primaria, senza causa apparente. Tuttavia, ci sono alcune malattie e alcuni farmaci che possono causare sudorazione eccessiva.

In questo articolo spiegheremo cos'è l'iperidrosi, perché si pone, quali sono le sue cause principali e quali sono le opzioni di trattamento.

Cos'è il sudore?

Il sudore è una sostanza composta da acqua (99%) e piccole quantità di sali minerali (1%), in pratica cloruro di sodio e urea. Altre sostanze nel sangue possono essere presenti nel sudore, come calcio, magnesio, potassio, zinco e ferro. Questi, tuttavia, tendono ad essere in concentrazioni molto piccole.

Contrariamente alla credenza popolare, il sudore non è una fonte di tossine e non è usato per rimuovere le impurità dal tuo corpo. Trascorrere del tempo in una sauna può essere rilassante, ma non ti farà eliminare nulla in quantità rilevanti oltre all'acqua e al sale.

Il sudore è prodotto dalle ghiandole sudoripare, che sono le ghiandole che si trovano negli strati più interni della pelle (derma), che comunicano con lo strato più superficiale (epidermide) attraverso i micro condotti che scorrono nei pori della nostra pelle, può essere visto nell'immagine a sinistra.

Il sudore ha la funzione fondamentale di aiutare a regolare la temperatura corporea. La produzione di sudore da parte delle ghiandole sudoripare è controllata dal sistema nervoso centrale, cioè dall'ipotalamo, dove i neuroni termosensibili si incontrano. Per capire di più su come il cervello controlla la temperatura corporea, leggi: CHE COSA È FEBBRA? Perché sorge?

Il sistema nervoso può anche stimolare la sudorazione in periodi di stress emotivo. Di solito, la sudorazione in questi casi è limitata a determinate aree del corpo come mani, piedi, ascelle e testa.

Cos'è l'iperidrosi

Come già accennato nell'apertura del testo, l'iperidrosi è uno stato in cui il corpo suda più di quanto sarebbe necessario per raffreddare il corpo. Qualsiasi punto del corpo può essere influenzato dall'iperidrosi, tuttavia, i palmi delle mani, le piante dei piedi, il viso e le ascelle sono i siti più comuni. Di regola, l'iperidrosi è una sudorazione focale, che colpisce solo un'area del corpo.

Attualmente, per la diagnosi di iperidrosi utilizziamo i seguenti criteri:

1. Eccessiva sudorazione focale con più di 6 mesi di durata e nessuna causa apparente.

Altri due dei criteri elencati di seguito:

2. Sudorazione bilaterale e simmetrica (colpisce entrambe le mani, i piedi e / o le ascelle).
3. Sudorazione che sconvolge le attività quotidiane.
4. Eccessiva sudorazione che si verifica almeno 1 volta a settimana.
5. Inizio del periodo prima dei 25 anni.
6. Storia familiare di iperidrosi.
7. Sudorazione focale durante il sonno.

Circa il 2% della popolazione presenta criteri per la diagnosi di iperidrosi. Le persone di origine asiatica, principalmente giapponesi, hanno un rischio maggiore di presentare la malattia. L'iperidrosi focale è più comune negli adolescenti e nei giovani adulti; meno del 5% dei casi inizia dopo la pubertà, il che fa sì che tutti gli adulti con eccessiva sudorazione di recente insorgenza siano indagati per le malattie metaboliche o l'uso di farmaci.

L'iperidrosi di solito peggiora in periodi di calore o durante lo stress emotivo, ma molti di questi pazienti sudano in ogni momento, senza apparente fattore scatenante.

Sebbene non sia una malattia grave che causa complicazioni maggiori, l'iperidrosi può essere scomoda e compromettere la vita sociale e professionale dei pazienti. Un'eccessiva sudorazione ascellare può macchiare i vestiti ed essere esteticamente indesiderabili, mentre la sudorazione delle mani può bagnare le carte, rendere la gestione degli strumenti un compito difficile e causare imbarazzo quando si stringono la mano ad altre persone.

Oltre all'ingombro sociale, l'iperidrosi favorisce la comparsa di alcune altre malattie della pelle come eczema, verruche, dermatite atopica, infezioni fungine delle unghie, geloni, follicoliti e odori sgradevoli.

Se vuoi saperne di più sulle malattie correlate all'iperidrosi, accedi ai seguenti link:

  • DERMATITE ATOMICA - Sintomi e trattamento.
  • Verruche comuni e verruche genitali.
  • MICOSI INSOLITA - Onicomicosi.
  • FRIEIRA - Il piede dell'atleta.
  • COME FARE CON CHULÉ.
  • BROMIDROSS - Cattivo odore nelle ascelle

Cause di iperidrosi

L'iperidrosi primaria, cioè l'iperidrosi senza causa apparente, è solitamente localizzata, interessando solo le mani, i piedi o le ascelle. Alla fine, un'eccessiva sudorazione sulla faccia e sul cranio potrebbe essere parte dell'immagine.

Quando l'iperidrosi è diffusa e / o inizia dopo l'età adulta, è necessario pensare a cause secondarie, tra le quali possiamo menzionare:

- Neoplasie (leggi: CANCRO | Sintomi e tipi).
- Linfoma (leggi: LINFOMA HODGKIN | LINFAMMA NO HODGKIN | Sintomi e prognosi).
- Diabete (leggi: DIABETES MELLITO | Sintomi e conseguenze).
- Malattie tiroidee (leggi: MALATTIE E SINTOMI DEL TIREOID).
- Tubercolosi (leggi: TUBERCULOSI | Sintomi e trattamento).
- HIV (leggi: SINTOMI DI HIV E AIDS).
- Altre infezioni
- Malattie di febbraio.
- Alcolismo cronico (leggi: EFFETTI DELL'ALCOOL E DELL'ALCOLISMO).
- Gotta (leggi: DROP | Acido urico | Sintomi e dieta).
- Menopausa (leggi: MENOPAUSE - Cause, sintomi e trattamento).
- Feocromocitoma.
- Farmaci.

I farmaci che possono causare iperidrosi includono:

- propranololo.
- Nifedipina.
- Fisiostigmina.
- Pilocarpina.
- Antidepressivi (leggi: ANTIDEPRESSIVES | Escitalopram, Fluoxetine, Sertraline ...).
- insulina
- Agenti ipoglicemici orali.
- Tamoxifen.
- Sildenafil.
- Omeprazolo (leggi: OMEPRAZOLO - PANTOPRAZOLO - LANSOPRAZOLO).
- Ciclosporina.
- Tramadol.

In generale, quando l'iperidrosi è causata da qualche malattia, il paziente ha già segni e sintomi che ci aiutano a identificare la malattia di base. Se il paziente presenta febbre, perdita di peso, tosse, lesioni cutanee, ecc., È facile sospettare che l'insorgenza di iperidrosi sia correlata a una malattia sistemica e non sia una condizione primaria. Un iperidrosi che si manifesta solo durante il sonno suggerisce anche la presenza di una causa secondaria.

Trattamento dell'iperidrosi

Ci sono diverse opzioni di trattamento per l'iperidrosi, dai deodoranti agli interventi chirurgici. L'intensità dei sintomi, il sito che traspira in eccesso e le aspettative dei pazienti dovrebbero essere prese in considerazione al momento di decidere quale trattamento sia il migliore per ciascun caso.

1. Antitraspiranti (antitraspiranti)

I deodoranti antitraspiranti sono commercializzati in farmacie e supermercati e di solito vengono presentati in presentazioni roll-on, crema o aerosol. Sono prodotti che contengono sali metallici, di solito sali di alluminio, che ostruiscono i pori delle ghiandole sudoripare sulla pelle. Questi prodotti funzionano solo in caso di iperidrosi lieve.

Se i comuni antitraspiranti falliscono, ci sono soluzioni più potenti, come il cloruro di alluminio esaidrato in concentrazioni che vanno dal 10 al 30%, che possono essere utilizzate su mani, piedi e ascelle. I risultati di solito compaiono entro una settimana, ma è comune che il trattamento venga interrotto a causa dell'irritazione cutanea.

2. Rimedi

Gli anticolinergici sono un gruppo di farmaci che agiscono inibendo i neurotrasmettitori che stimolano la secrezione di sudore da parte delle ghiandole sudoripare. Attualmente è un trattamento poco utilizzato a causa dell'alto tasso di effetti collaterali e scarsa efficacia. Il glicopirrolato (efficacia del 60%) e l'ossibutinina (tasso di efficacia del 50%) sono i più comunemente usati.

Nei pazienti con iperidrosi correlata allo stress emotivo, l'uso di propranololo o ansiolitici come il diazepam può alleviare i sintomi.

3. Ionoforesi

La ionoforesi viene utilizzata per il trattamento dell'iperidrosi palmare (mani) e dell'iperidrosi plantare (piedi). Il trattamento consiste nel blocco temporaneo delle ghiandole sudoripare attraverso una scarica elettrica leggera emessa all'interno di un contenitore d'acqua. I trattamenti durano circa 30 minuti e di solito vengono applicati a giorni alterni, con un tasso di successo superiore all'85%. I risultati sono temporanei e il trattamento deve essere ripetuto costantemente.

Gli effetti collaterali più comuni sono irritazione e pelle secca. Il dispositivo può essere acquistato e, dopo un adeguato addestramento, il paziente può utilizzarlo a casa.

4. Applicazione di Botox

La tossina botulinica, commercializzata con il marchio Botox, quando applicata nelle regioni che traspira in eccesso, agisce bloccando i neuroni che stimolano il funzionamento delle ghiandole sudoripare, provocando una temporanea riduzione della produzione di sudore in questi luoghi.

Botox può essere applicato su mani, piedi, ascelle e viso, con un alto tasso di successo, con effetti che durano diverse settimane.

Gli svantaggi delle applicazioni di Botox sono le punture di aghi e la necessità di un medico ben addestrato per evitare complicanze come la debolezza muscolare. Per saperne di più su Botox, leggi: BOTOX | Applicazioni terapeutiche e cosmetiche.

5. Termolisi a microonde

Questo trattamento viene eseguito attraverso un dispositivo che emette microonde in grado di distruggere le ghiandole sudoripare. Il trattamento viene solitamente effettuato con 2 o 3 sessioni di 30 minuti, con intervalli di 3 mesi. Il tasso di successo è compreso tra l'80 e il 90%.

L'effetto collaterale più comune della termolisi è una strana sensazione sulla pelle nel sito di applicazione, che può durare fino a circa 1 mese.

Il principale fattore negativo della termolisi è il suo attuale costo elevato.

6. Chirurgia per l'iperidrosi

Se tutti i trattamenti sopra descritti falliscono, la chirurgia diventa un'opzione.

Esistono due tipi di interventi chirurgici usati per trattare l'iperidrosi. Uno è il curettage o la liposuzione dell'ascella, che rimuove le ghiandole sudoripare. L'altra opzione è la simpaticectomia toracica endoscopica (STE), che è un intervento chirurgico importante e comporta la rimozione dei nervi dal midollo spinale a livello del torace, responsabile dell'innervazione delle ghiandole sudoripare delle ascelle, delle mani e del viso.

STE è l'ultima opzione perché è una procedura più complessa e rischiosa, eseguita in anestesia generale (leggi: ANESTESIA GENERALE | Come funziona e quali sono i rischi). In questo intervento chirurgico, un endoscopio viene inserito nel torace attraverso l'ascella. Uno dei polmoni viene sgonfiato in modo che l'endoscopio possa raggiungere la colonna vertebrale più facilmente. La procedura viene eseguita prima su un lato e poi sull'altro.

Sebbene sia una procedura con alti tassi di successo, la STE ha un effetto avverso comune e scomodo: sudorazione compensativa. Questo effetto collaterale consiste in un sudore intenso ed eccessivo che si verifica in altre aree del corpo, principalmente nella schiena, nell'addome e nelle gambe. È un importante effetto collaterale, che porta grande insoddisfazione perché il sudore può essere altrettanto intenso o addirittura peggiore della sudorazione originaria che ha portato alla chirurgia. Per questo motivo, la simpatectomia toracica endoscopica è raramente indicata.


Muco in sgabelli, panchetti verdi e altri cambiamenti

Muco in sgabelli, panchetti verdi e altri cambiamenti

I cambiamenti nelle caratteristiche delle feci normali possono essere il primo segno di una malattia del tratto gastrointestinale. Sfortunatamente, molte persone non hanno l'abitudine di controllare l'aspetto delle feci dopo ogni movimento intestinale, mentre passano chiari segni di problemi digestivi

(medicina)

LAMPADINA SEMPLIFICATA ALBENDAZOL

LAMPADINA SEMPLIFICATA ALBENDAZOL

L'albendazolo è un farmaco antielmintico e antiparassitario appartenente alla classe del benzimidazolo, lo stesso del tiadendazolo, del mebendazolo e del cambendazolo antiparassitario. L'albendazolo è un farmaco con un ampio spettro di azione contro i vermi intestinali ed è efficace per il trattamento di varie malattie parassitarie come l'ascariasis, l'anchilostoma, la strongiloidosi, la giardiasi e molti altri che saranno elencati più avanti. In

(medicina)