Non trattare quelli che ti trattano male come una priorità

Non trattare quelli che ti trattano male come una priorità

Non trattare in modo prioritario le persone che non ti valutano a sufficienza.

Devi darti l'importanza che ti meriti e offri il tuo affetto a coloro che ti amano veramente in ogni momento, senza interesse o egoismo.

Perché, in generale, l'egoismo non è considerato indulgente anche se ci permette di mantenere le nostre speranze o le nostre aspettative

Dobbiamo saperlo perché dobbiamo evitare di ipotecare il nostro benessere e sottoporlo a ciò che vogliono gli altri.

Quando una relazione è sana e significativa, è facile bilanciare l'equilibrio.

Tuttavia, veliamo il viso regolarmente e ci lasciamo trasportare, vivendo nella nebbia e non ascoltando i nostri bisogni emotivi.

Prigionieri dell'egoismo, non siamo più la priorità

È frequentemente che contemporaneamente siamo oggetto di egoismo gli altri e che finiamo per non essere più la priorità, o anche un essere dipendente dagli interessi degli altri.

Spesso ci prendiamo il tempo per rendercene conto perché ci lasciamo trasportare dall'inerzia del

Tuttavia, a poco a poco, roviniamo il nostro presente alimentando le nostre speranze di cambiamenti che probabilmente non accadranno mai.

Chi non porta sincera tenerezza in un certo tempo sicuramente non lo porterà mai, magicamente.

Così, come abbiamo sottolineato, siamo immersi nella memoria di un passato che non ha futuro.

Interesse e tenerezza intermittenti quindi ci indicano che C'è qualcosa che non funziona bene anche se è difficile accettarlo.

Nel tempo, le persone mostrano un volto sempre meno amichevole e sempre più interessato.

Non dimenticare di leggere: non servo a riempire vuoti o solitudine: sono qui per amare

Il dolore psicologico derivante dall'ansia relazionale

Il tempo è il grande maestro che si erge Abbiamo bisogno di aprire gli occhi e aiutarci a prendere le distanze e valutare gli errori che ci circondano .

Naturalmente non è facile. In effetti, il dolore prodotto a volte è insopportabile.

È il dolore emotivo, un dolore che angoscia il nostro cervello. L'inganno, il tradimento, la menzogna, la disillusione o la perdita causano una grande sofferenza che ci lacera dall'interno.

Questo tipo di sofferenza è declinato in poesie e canzoni per secoli e secoli e ci immerge in un mondo che tutti possono comprendere.

Oggi queste intuizioni poetiche sono supportate da studi neurofisiologici, che confermano che il dolore psicologico si riflette a livello cerebrale.

Stranamente, quando il nostro "Cuore" si rompe e le nostre emozioni accendono il nostro corpo, vengono attivate le stesse aree sollecitate durante il dolore fisico.

Quindi possiamo dire che l "L'amore fa male fisicamente.

I nostri neurotrasmettitori soffrono di grande sconforto quando tutto diventa complicato e qualcosa si rompe in noi.

Le aree cerebrali del dolore fisico condividono il percorso del colore emozionale perché una dom Il mago fisico o emozionale attiva la corteccia cingolata anteriore e la corteccia prefrontale.

Questo è un motivo in più per smettere di sottovalutare le nostre ferite emotive e per evitare di pensare che stanno guarendo allo scoperto.

Siamo purtroppo abituati a seppellire i nostri problemi di relazione , facendo sì che il dolore si trasformi in intrappolamento e complicando la risoluzione dei conflitti.

Nasconderci non ci aiuta. Al contrario, rallenta un sollievo che rende il dolore sociale più sopportabile ma finisce per tormentare il nostro cervello fino a distruggere completamente la nostra mente.

"Quando si mantiene il risentimento, si è attaccati a quella persona o situazione da una connessione emotiva che è più forte dell'acciaio. Il perdonare è l'unico modo per sciogliere questo legame e raggiungere la libertà "

-Catherine Ponder-

La dignità non va persa a nessuno

Quando una persona ci tratta come qualcuno facoltativo, è bene iniziare a pensare di salutare.

È totalmente diverso essere orgogliosi che essere degni. Se perdiamo la nostra dignità, perdiamo noi stessi, miniamo la nostra identità e la nostra autostima.

Vuoi saperne di più? Leggi: L'amore non è abbastanza, ma deve essere dimostrato!

Le relazioni basate sul rispetto e sull'equilibrio dei bisogni sono le più autentiche, libere, solide e gratificanti.

A volte perdiamo la nostra dignità perché riteniamo che ci si adatti o che siamo bloccati e non sappiamo come rispondere a una situazione di manipolazione o sottomissione.

Cioè, ci abituiamo a trattare principalmente con coloro che ci trattano come persone facoltativo nelle loro vite perché siamo "pazzi" in una relazione asimmetrica

Amore, attenzione e tenerezza non supplicano.

Ecco perché quelli che meritano di far parte del nostro sono quelli che mostrano che ci vogliono bene, che non approfittano delle nostre vulnerabilità e che ci amano in modo pulito e sincero.


Uomini e donne, due diverse realtà cerebrali

Uomini e donne, due diverse realtà cerebrali

La vita emotiva tra uomini e donne è influenzata dai bisogni e dalle abitudini emotive di ciascuno. Tuttavia, è chiaro che ci sono schemi che si ripetono con una certa coerenza nelle relazioni di coppia eterosessuali. Diciamo che i soggetti e le aspettative di ciascuno hanno ovviamente origine. le aspettative delle donne nei confronti degli uomini (e viceversa) nelle coppie tendono ad adattarsi ai modelli che si ripetono, anche se sono individuali.

(Sesso e relazioni)

Non è perché esiste il perdono che si può ferire

Non è perché esiste il perdono che si può ferire

Ci abituiamo alle cose buone in modo estremamente rapido. Sapere che possiamo chiedere perdono quando facciamo un errore ci dà piccolo "materasso" social conveniente per errori. Tuttavia, sii consapevole che avere la possibilità di chiedere perdono non ci dà il diritto di mancare di rispetto agli altri , e fare del male, come se fosse gratis.

(Sesso e relazioni)