Non aver paura di perdere quelli che non si sentono fortunati ad avere

Non aver paura di perdere quelli che non si sentono fortunati ad avere

Non aver paura di perdere quelli che non ti vedono nemmeno ti stanno guardando, che non ti ascoltano anche se ti sentono, che non si sentono fortunati ad averti.

Lascia andare quelli che ti fanno sentire vuoto, quando sei nato sentirsi realizzati, completi, degni e coraggiosi.

Tutti in un punto lo hanno già sentito. Forse lo sentivamo in una coppia, con un amico o peggio, in famiglia.

Percepire la sensazione angosciante di non essere apprezzati o apprezzati da coloro con cui mantenere una connessione stretta e significativa è uno dei problemi emotivi più devastanti che esistono.

Soprattutto se è un bambino che vive con i suoi genitori o in una coppia. Quando l'altro ci fa sentire soli, ci ignora e non c'è alcun luccichio nei suoi occhi.

Abbiamo tutti bisogno di sentirci stimati e nutriti, di considerazione e affetto.

Se ciò che percepiamo non è rifiuto, ma un semplice vuoto o la debole qualità di un legame che non diventa più forte, la nostra autostima sarà danneggiata.

Reagire a queste situazioni non è facile. Per una semplice ragione: la persona che ne soffre è spesso riluttante a sensibilizzare e incoraggia il vuoto o la mancanza emotiva non lo ammette neanche.

Oggi, in questo articolo, offriamo per approfondire questo tipo di dinamiche distruttive che abbondano in tutti i tipi di relazioni.

Quando ci sono persone dalla nostra parte ma ci sentiamo soli

L'essere umano deve stabilire collegamenti con i suoi coetanei. Famiglia, amici, coniugi, ecc. costituiscono un pilastro essenziale per il nostro benessere. Abbiamo tutti bisogno di essere "uniti" a qualcuno.

È così che impariamo, è così che cresciamo come persone e facciamo amicizie magiche che sono così arricchenti, in cui prima o poi rafforziamo la relazione con qualcuno per, forse, formare una famiglia.

  • Non siamo isole di solitudine, siamo esseri sociali che hanno bisognosi di affetto e che a loro volta traggono profitto dando amore.

Non tutti sanno come dare affetto allo stesso modo. Molti non sanno come fare attenzione, non sanno che una relazione è un gioco di energia reciproca, dove diamo e riceviamo.

A volte, possiamo vivere così:

  • sentendo che le nostre parole e le nostre opinioni non sono evidenziate
  • Senti che l'altra persona (partner, amico, genitore, fratello, sorella ...) non prova un reale interesse per ciò che ci accade, come siamo , cosa pensiamo e cosa proviamo.

Quando succede, quando queste persone sono con noi ma "non ci vedono", inizia una fase di vulnerabilità più difficile di quanto sia necessario sapere come affrontare

Scopri anche: 10 caratteristiche dei genitori tossici

A volte la solitudine è preferibile alla solitudine proiettata

È necessario conoscere la differenza tra la solitudine e la solitudine proiettata.

prima si riferisce alla scelta che facciamo per prendere il nostro percorso per avviare nuovi progetti, con solo noi stessi aziendali

  • È un atto di coraggio che richiede, senza dubbio, di correre dei rischi. Ma dal momento che è qualcosa che scegliamo, ci si addice e abbiamo un senso di controllo.
  • Tuttavia, quando gli altri ci sono vicini ma non ci offrono altro che vuoto, disprezzo e un chiaro senso per cui non siamo importanti per loro, è necessario prendere decisioni.

La solitudine che gli altri proiettano su di noi con il loro atteggiamento e la loro povertà emotiva ed emotiva è, senza dubbio, la più distruttiva di tutti.

Reagire nel tempo può impedire la nostra autostima e l'immagine di noi stessi è influenzata.

Ricorda che sarà sempre meglio avere una solitudine chiara ma soddisfacente piuttosto che la compagnia di qualcuno che non ci valuta.

Abbiamo amore che ci meritiamo

È ovvio, l'abbiamo visto tutti nei nostri cari: abbiamo l'amore che meritiamo.

Ci sono spesso persone chi dice, per esempio,

  • "Sì, ha manie e difetti, ma quella è la persona che mi è stata data."
  • "Abbiamo giorni difficili, ma migliori stare con qualcuno senza nessuno. '
  • "Questo rapporto con questa persona mi va bene perché non so come essere solo"

Poco a poco, e senza rendersene conto, queste persone rassegnarsi a un tipo di relazione perché pensano di non poter aspirare a qualcosa di più, perché è quello che la vita ha portato loro e dobbiamo accettarlo.

È un errore . Nessuno merita il disprezzo, nessuno merita di sentirsi solo avendo qualcuno al suo fianco. Noi meritiamo una felicità più forte, la migliore vissuta e autentica, e può essere raggiunta con o senza coniuge.

Impara ad essere la prima persona che meritiamo.

Vedi anche: Si una coppia è sempre d'accordo su tutto è che ce n'è uno che pensa per entrambi

Non aver paura di perdere quelli che non ti meritano

È molto semplice: non aver paura, non esitare a lasciar perdere, saluta chi non ti fa bene, a chi non ti ama come meriti, a chi non ti vede come un regalo e chi non sono persone che rendono la tua vita più bella

  • Non accontentarti di meno di quanto meriti. Prenditi cura della tua autostima e del tuo benessere emotivo e psicologico, lasciando da parte ciò che altera la tua dignità.

Infine, la vita è troppo breve per non ottenere ciò che meritiamo s: calma, benessere e soddisfazione personale

Immagine principale di © wikiHow.com


5 Consigli psicologici per attirare l'attenzione degli altri su di te

5 Consigli psicologici per attirare l'attenzione degli altri su di te

Per rafforzare l'attrazione, è fondamentale che, oltre ad essere empatici, siamo noi stessi e abbiamo la nostra identità, senza voler essere come ciò che non siamo. L'autentica attrazione, che si posa nella nostra mente, quella che ci incuriosisce, ci commuove e ci riempie di curiosità va molto più lontano dalla semplice busta fisica, un volto, gli occhi, un Culturalmente siamo inclinati rispetto alla bellezza, perché pensiamo che tutto ciò che è bello è buono , che si nasconde colui che gode di un'intensa attrazione fisica, , qualità personali favolose.

(Sesso e relazioni)

Il bisogno di piangere quando uno è troppo forte

Il bisogno di piangere quando uno è troppo forte

Il mio bisogno di piangere non nasce dalla fragilità, dalla mancanza di resistenza o dal desiderio di buttare via tutto ciò che è stato raggiunto finora. Questo bisogno pressante deriva dalla forza che abbiamo assunto e dalla necessità di liberarci. Continuiamo a considerare qualcuno che piange come una persona fragile.

(Sesso e relazioni)