SPURGO DEL NASO - Cause e trattamento

SPURGO DEL NASO - Cause e trattamento

Sanguinamento nasale, chiamato in medicina per l'epistassi, è una situazione molto comune che raggiunge più del 60% della popolazione in un certo punto della vita.

Nonostante la paura, il sanguinamento dal naso raramente causa complicazioni rilevanti. Nella grande maggioranza dei casi, la perdita di sangue può essere facilmente controllata a casa senza assistenza medica.

In questo articolo sul sanguinamento nasale affronteremo i seguenti punti:

  • Tipi di epistassi.
  • Cause di sanguinamento dal naso.
  • Cosa fare quando il naso sanguina.
  • Trattamento medico del sanguinamento nasale.

Tipi di epistassi

La cavità nasale è altamente vascolarizzata e le sue navi sono relativamente superficiali, specialmente nella regione più anteriore del naso. Il sanguinamento nasale è solitamente classificato in epistassi anteriore ed epistassi posteriore .

L'epistassi precedente ha innescato la forma più comune di sanguinamento del naso. Si verifica quando c'è un danno dei vasi nella regione anteriore della mucosa nasale, più vicino alle narici. In questa regione, diverse piccole arterie si attaccano, formando un groviglio vascolare noto come un plesso di Kiesselbach, che è un sito molto fragile, che sanguina facilmente.

L'epistassi posteriore è più rara e rappresenta solo il 5% dei casi di sanguinamento nasale. Sebbene meno comune, il successivo sanguinamento è solitamente ingombrante e difficile da controllare. I pochi casi di epistassi che richiedono urgente attenzione medica sono di solito quelli che hanno origine nella regione posteriore della cavità nasale.

L'epistassi è più comune nei bambini di età inferiore ai 10 anni e negli adulti sopra i 45 anni. Ciò non significa in alcun modo che adolescenti e giovani adulti non possano avere sangue dal naso.

Quali sono le cause del sanguinamento dal naso?

La maggior parte dei casi di epistassi derivano da traumi nella mucosa nasale. L'atto di mettere il dito nel naso per sbarazzarsi del mellito è la causa principale.

Altre condizioni che aumentano anche il rischio di sanguinamento nasale sono:

- Quando l'umidità dell'aria è molto bassa, la mucosa nasale diventa più secca e irritata, rendendo più facili le lesioni nella zona. Le persone che passano la giornata in casa con l'aria condizionata o il riscaldamento acceso hanno maggiori probabilità di avere sanguinamento dal naso.

- Infezioni delle vie aeree o condizioni allergiche che causano irritazione della mucosa nasale e rinite sono anche fattori di rischio per l'epistassi (vedi: RHINITE ALERGIC | Sintomi e trattamento).

- Le persone che hanno subito un trauma al viso, come in incidenti automobilistici o aggressioni fisiche, possono sperimentare sanguinamenti del naso intermittenti. I pazienti con setto deviato tendono anche ad avere più episodi di perdita di sangue nasale.

- Nei bambini piccoli, la presenza di un corpo estraneo (tipo di riso o fagioli) inoculata nel naso senza la conoscenza dei genitori può essere la causa del sanguinamento. La punta è la presenza di sangue accompagnato da secrezione purulenta.

- I pazienti che assumono farmaci che interferiscono con la coagulazione del sangue, come anticoagulanti eparina o warfarin (vedi: VARFARINE (INR controllato) hanno anche un rischio maggiore di epistassi. I farmaci usati per diminuire l'azione delle piastrine come l'Aspirina (AAS) o il clopidogrel aumentano anche il rischio di sanguinamento, ma non tanto quanto gli anticoagulanti (leggi: ASPIRIN | Indicazioni ed effetti collaterali).

- I pazienti che usano corticosteroidi intranasali cronici sono anche a maggior rischio. Allo stesso modo, l'uso eccessivo di decongestionanti nasali può anche irritare la mucosa del naso, favorendo l'epistassi.

- Gli utilizzatori di cocaina presentano spesso lesioni della mucosa nasale e degli epistassi (leggi: COCAINE | CRACK | Effetti e complicazioni).

I tumori della cavità nasale di solito causano sanguinamento, ma per fortuna rispondono solo a una minoranza di casi di epistassi.

Le cause meno comuni di sanguinamento nasale frequente includono disturbi della coagulazione come l'emofilia o la malattia di von Willebrand e malformazioni dei vasi della cavità nasale, come nella malattia di Osler-Weber-Rendu.

Sebbene sia comunemente accettato, l'ipertensione non sembra causare epistassi. Non c'è consenso nella letteratura medica, ma la tendenza attuale non è considerare l'ipertensione come fattore scatenante per il sanguinamento nasale. Ciò che spesso accade è l'aumento della pressione dopo l'insorgenza di sanguinamento, a causa dell'ansia causata dalla perdita di sangue a volte voluminosa nel paziente.

Cosa fare quando il naso sanguina?

La stragrande maggioranza delle emorragie nasali è autolimitante e può essere controllata a casa. Durante il tentativo di mantenere il sanguinamento, è importante impedire che il sangue ricada nella faringe, il che promuove la deglutizione o l'aspirazione nei polmoni se il sanguinamento è molto voluminoso. Pertanto, l'atto di sollevare la testa o sdraiarsi con la narice ricoperto da un assorbente, cotone o garza è sbagliato. Questo non accelera la guarigione e può persino indurre il paziente a deglutire o aspirare sangue, specialmente nel caso di bambini.

Il modo corretto di picchiare il sangue dal naso è di sedersi, inclinare leggermente il busto e andare avanti, e con il pollice e l'indice stringere le narici dall'esterno in modo da tappare la presa di sangue. Tieni il naso stretto per almeno 5 minuti ininterrotti. Non toglierti la punta delle dita in ogni momento per vedere se l'emorragia persiste ancora. È possibile utilizzare anche impacchi freddi dall'esterno sul naso. Se dopo 5 minuti persiste l'emorragia, ripetere l'operazione, mantenendo la pressione per 10-15 minuti.

Dopo l'interruzione del sanguinamento, rimanere per almeno 1 ora. Non soffiarsi il naso e non fare sforzi fisici per il resto della giornata. Cerca di mantenere la testa sopra il livello del cuore (non sdraiarsi o mettere la testa tra le gambe) per ridurre la pressione sanguigna nei vasi del naso.

Se l'emorragia persiste dopo 20 minuti di compressione nasale, o se c'è sangue dal naso, il sanguinamento è molto ingombrante sin dall'inizio, consultare un medico.

Altri motivi per cercare aiuto medico a causa di epistassi sono:

- Epistassi che insorge dopo un trauma cranico.
- Epistassi ricorrente che va avanti e indietro per tutto il giorno per diversi giorni di seguito.
- I pazienti che assumono anticoagulanti che hanno un'emorragia nasale devono consultare un medico per valutare la possibilità di intossicazione da parte dei coagulanti.
- Se recentemente il paziente ha subito una procedura chirurgica sul viso.
- Sanguinamento dal naso che viene con febbre e / o mal di testa.

Trattamento medico del sanguinamento nasale

Quando il paziente si trova di fronte a una delle situazioni sopra elencate, diventa necessario un trattamento più specializzato per controllare il sanguinamento nasale. I trattamenti più utilizzati per il controllo del sanguinamento sono:

a) Cauterizzazione chimica

La cauterizzazione chimica è un processo in cui il medico usa sostanze chimiche per "bruciare" i vasi sanguinanti e fermare la perdita di sangue attraverso il naso. Inizialmente, un tampone di cotone con anestetico locale e una sostanza vasocostrittore sono collocati nella cavità nasale per ridurre il sanguinamento. Quindi abbiamo usato un cotone imbevuto di acido tricloroacetico o nitrato d'argento per cauterizzare l'area sanguinante e l'ambiente circostante.

b) Cauterizzazione elettrica

Cauterizzazione elettrica è comunemente usata quando la cauterizzazione chimica non può arrestare completamente il sanguinamento nasale. È una procedura più dolorosa che deve essere eseguita con un'adeguata anestesia locale.

c) cauterizzazione endoscopica

Con l'uso dell'endoscopio è possibile visualizzare direttamente i punti di sanguinamento all'interno del naso. Possono essere utilizzate entrambe le forme di cauterizzazione (chimica o elettrica). È un modo più efficace per controllare l'epistassi successiva.

d) Tampone nasale anteriore

Se le tecniche di cauterizzazione descritte sopra falliscono, il medico utilizzerà i tappi nasali per fermare la perdita e il sangue dal naso. I tamponi sono schiume sintetiche, appositamente realizzati per assorbire il sangue e il sanguinamento convinto. Una volta impiantato nella cavità nasale, il tampone può essere riempito con siero in modo da espandere e comprimere le pareti del vaso con sanguinamento. Il limite viene solitamente ritirato dopo 48-72 ore.

e) Chirurgia

Se tutto il resto fallisce, la chirurgia per la legatura (di solito endoscopicamente) o l'embolizzazione delle arterie che nutrono la cavità nasale è l'alternativa rimanente.


ERBE GENITALI - Contagio, sintomi e trattamento

ERBE GENITALI - Contagio, sintomi e trattamento

L'herpes genitale è una malattia a trasmissione sessuale (STD) causata dal virus dell'herpes simplex. Si stima che almeno un adulto su cinque sia infetto dal virus, sebbene molti di questi non mostrino sintomi e non siano consapevoli di essere stati infettati dal virus. L'herpes genitale viene solitamente trasmesso durante i periodi di malattia attiva, cioè quando vi sono lesioni visibili nella regione genitale.

(medicina)

COME EVITARE LE CRISI DI ASMA

COME EVITARE LE CRISI DI ASMA

L'asma è una malattia polmonare cronica causata dall'infiammazione delle piccole vie aeree dei polmoni, solitamente con respiro sibilante, tosse secca e difficoltà respiratoria. L'asma è un problema che di solito si manifesta in attacchi, chiamati attacchi d'asma, che vanno e vengono con intensità e frequenza che variano in base alla gravità della malattia. L&#

(medicina)